Valute digitali delle banche centrali, a cosa servono e come funzionano

3 Settembre 2021, di Massimiliano Volpe

Valute digitali delle banche centrali, a cosa servono e come funzionano

di Tomasz Wieladek (T. Rowe Price)

Le valute digitali delle banche centrali rappresentano la prossima grande evoluzione del sistema dei pagamenti. Oltre ad affrontare i problemi tradizionali del sistema delle valute fiat e a promuovere l’inclusione finanziaria, le CBDC (Central Bank Digital Currencies) potranno aiutare ad ampliare il quadro degli strumenti delle politiche monetarie delle banche centrali.

Valute digitali nuovi strumenti per le banche centrali

A partire dalla crisi finanziaria globale, i tassi di interesse delle economie dei paesi G-7 sono oscillati intorno ai loro limiti inferiori effettivi. Le banche centrali hanno risposto implementando strumenti di politica monetaria alternativi come il quantitative easing (QE) e politiche sulla gestione della liquidità, al fine di stimolare i prestiti bancari.

L’introduzione delle valute digitali potrebbe permettere alle banche centrali di utilizzare alcuni di questi strumenti in modo più efficace. Anche se il concetto di banche centrali che offrono alcuni servizi bancari per la clientela non è nuovo (la Banca d’Inghilterra ha permesso ai cittadini del settore pubblico di detenere presso l’istituto conti bancari a partire dal 1800 fino all’inizio degli anni 2000), i conti di deposito dei clienti non sono stati utilizzati in passato per scopi di politica monetaria.

Se introdotte, le valute digitali delle banche centrali cambieranno questa situazione permettendo alle banche centrali di stimolare l’attività economica in tempi di crisi trasferendo fondi direttamente nei conti correnti delle persone dal proprio bilancio, in modo simile all’helicopter money.

Inoltre, le banche centrali potrebbero anche effettuare trasferimenti specifici finalizzati ad aiutare specifici settori dell’economia durante una crisi.

Stampare e redistribuire denaro attraverso il bilancio di una banca centrale probabilmente potrebbe essere problematico da un punto di vista politico, ma vi sono almeno tre modi attraverso i quali una banca centrale indipendente potrebbe traferire fondi ai correntisti senza stampare nuova moneta:
primo, potrebbe accreditare il signoraggio (il profitto ottenuto da un governo dall’emissione di moneta) direttamente in conti bancari detenuti presso la banca centrale;
secondo, potrebbe usare la valuta digitale depositata per acquistare obbligazioni con rendimento positivo e trasferire parte del tasso di interesse positivo ai titolari dei depositi;
infine, in periodi in cui i tassi di interesse sono negativi, la banca potrebbe redistribuire le commissioni applicate sui depositi dalle banche commerciali ai titolari di conti correnti.

Stimiamo che lo stimolo macroeconomico derivante da queste misure sarebbe tra lo 0,5% e l’1,5% del PIL, sufficiente per contrastare recessioni di piccole e medie dimensioni. Tuttavia, questi trasferimenti non stimoleranno la domanda se le famiglie e le imprese decidono di risparmiare invece di spendere. Le caratteristiche programmabili delle valute digitali potrebbero permettere alla banca centrale di fissare condizioni sulle valute digitali, come per esempio, un tasso di interesse negativo o una data di scadenza sui fondi trasferiti, per incentivare gli individui ad anticipare i consumi e gli investimenti.

Valute digitali: strumenti di politica monetaria più efficaci

Il pesante riscorso al QE da parte delle banche centrali è stato principalmente dovuto alla presenza di un limite effettivo inferiore per i tassi di interesse, che in molti paesi è pari a zero. Le preoccupazioni di arrivare al tasso di inversione – sotto il quale i tagli ai tassi diventano controproduttivi – significa che i movimenti in territorio negativo dei tassi di interesse sono rimasti moderati fino a questo momento. Nei moderni sistemi bancari, le banche detengono la maggior parte delle riserve, le quali sono rimborsate al tasso di interesse di riferimento.

La pressione di tassi negativi e/o bassi sui margini di profitto delle banche sarebbe minore se le banche dovessero detenere meno riserve. Oggi la ragione principale del detenere grandi quantità di riserve è dovuta al fatto che gli acquisti di asset devono essere finanziati con una quantità equivalente di riserve. Se tali acquisti fossero finanziati dall’emissione di valute digitali da parte delle banche centrali direttamente ai clienti invece, ci sarebbero meno riserve da detenere per le banche centrali e di conseguenza meno pressione sui margini di profitto delle banche private.

Nel medio periodo, l’introduzione delle valute digitali potrebbe anche aumentare la resilienza delle banche. Attualmente, i grandi depositi dei clienti detenuti dalle banche commerciali, le rendono eccessivamente importanti dal punto di vista sistemico per rischiare un loro fallimento. Spostare una quota significativa dei depositi dei clienti verso i bilanci delle banche centrali probabilmente potrebbe ridurre l’importanza sistemica delle banche commerciali.

Incentivare aziende e famiglie

Queste argomentazioni si basano sul presupposto che le famiglie e le imprese sarebbero disposte a detenere le valute digitali delle banche centrali, ma queste avranno bisogno di un incentivo per decidere di detenerle.

Per motivi di sicurezza, le aziende sarebbero fortemente incentivate a scegliere la prima opzione. Per quanto riguarda le famiglie, le valute digitali dovrebbero offrire benefici che compensino lo svantaggio di bassi tassi di interesse, come per esempio una maggiore sicurezza e minori costi di transazione.
In particolare, molti piccoli esercizi commerciali potrebbero consentire di effettuare solo piccole transazioni in CBDC poiché le transazioni potrebbero risultare poco convenienti se si utilizzasse la più costosa rete di pagamento retail.

Implicazioni per le valute e le obbligazioni

Qualunque siano le strade delle politiche perseguite dalle banche centrali attraverso le valute digitali, gli investitori nel mercato obbligazionario e valutario devono capire i cambiamenti che questi nuovi strumenti porteranno, se implementati. Con tassi di inversione più bassi, le banche centrali avranno una maggiore credibilità quando discuteranno le prospettive di riduzione dei tassi di interesse, il che avrà conseguenze negative sulle valute.

Dall’altra parte, la facilità nell’attuazione dell’“helicopter money” potrebbe anche significare che le curve dei rendimenti si irrigidiscano in una prima fase della recessione rispetto al passato. Infine, la persistente detenzione di grandi quantità di titoli di Stato come controparte alle passività delle CBDC, probabilmente abbasserà il premio a termine, il che significa che i tassi di interesse di lungo periodo saranno probabilmente più bassi, a parità di altre condizioni.