Borsa Milano in calo, timori su economia Usa dopo dato

1 Dicembre 2015, di Daniele Chicca

MILANO (WSI) – Borsa di Milano in calo, nonostante le speculazioni sulle nuove misure di stimolo monetario della Bce. La barra delle aspettative è molto alta, tuttavia, e gli investitori corrono il pericolo di rimanere bruciati. Inoltre, non convincono i dati macro diffusi negli Stati Uniti, che hanno visto sotto i riflettori l’Ism manifatturiero. L’indice ha segnato la peggiore contrazione dai tempi dell’ultima crisi finanziaria. Ftse Mib ha accelerato al ribasso nel finale, per chiudere a -0,40% a 22.626,25 punti.

Misti i bancari, con Mps +0,40%, Bper +2,68%, BPM +1,20%, BP -0,07%, Intesa SanPaolo +0,18%, Unicredit -0,09%, Ubi Banca -0,23%. Tra i titoli di altri settori Cnh Industrial -1,65%, Atlantia -1,24%, FCA -1,04%, Tenaris -2,74%, Telecom Italia -1,72%, Prysmian -1,69%.

L’attenzione è sempre rivolta anche alla crisi dei mercati emergenti e ai nuovi sviluppi in ambito geopolitico. Il presidente russo Vladimir Putin ha detto di no a un incontro con il suo omologo turco Raccip Erdogan a Parigi, dove da ieri è in corso la conferenza sul clima COP21 dopo che un aereo da caccia russo è stato abbattuto dalla Turchia.

Occhio al settore auto, dopo che sono uscite le immatricolazioni di auto in Francia, positive, e dopo le novità sullo scandalo Volkswagen. Il colosso tedesco ha assistito a un tonfo nelle vendite nel mercato degli Stati Uniti pari a -25%.

Sul valutario euro ha riagguantato l’area degli 1,06 dollari. Tra le materie prime il futures Wti sul petrolio sotto pressione, con il contratto scambiato a New York sotto $42.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 1 Dicembre 20158:48

Si profila una seduta positiva per l’azionario europeo nella prima seduta di dicembre. Le Borse asiatiche hanno fatto una bella corsa con il settore minerario che ha ottenuto una bela spinta dal rally dei prezzi dei metalli, a sua volta favoriti dall’indebolimento del dollaro.

Daniele Chicca 1 Dicembre 20159:05

La Borsa di Milano apre in rialzo dello 0,37% sopra i 22.800 punti, in sintonia con il resto del mercato in Europa. Il listino paneuropeo FTSEurofirst 300 scambia in rialzo dello 0,3%. Londra fa +0,6%, Parigi +0,1% e Madrid +0,1%.

Daniele Chicca 1 Dicembre 20159:18

Dopo che ieri l’azionario europeo ha toccato i massimi di tre mesi, sulle speranze di nuovi stimoli da parte della Bce, gli investitori oggi sono confortati dai segnali di stabilizzazione in arrivo dalla Cina. I sondaggi gemellari sull’attività industriale risollevano il morale sullo stato di salute, ancora precario, della seconda economia al mondo.

L’indice Nikkei ha chiuso in buon rialzo, sfiorando il livello di 20.000 punti. Positive anche tutte le altre principali Borse della regione asiatica.

Daniele Chicca 1 Dicembre 201510:25

Le principali banche britanniche hanno passato gli stress test della Bank of England, ma due istituti grossi, RBS e Standard Chartered, hanno rischiato di essere bocciati. Il settore è in buon rialzo questa mattina negli scambi londinesi.

FTSE 100 top risers

Daniele Chicca 1 Dicembre 201514:10

Dopo un breve sbandamento verso a metà mattina, il listino Ftse MIB è tornato a guadagnare terreno e alle 14 circa fa segnare un rialzo dello 0,43% a 22.816,67 punti vicino ai massimi di giornata. A livello settoriale si distingue in positivo il lusso.
Tra i singoli male invece Eni. Tra i migliori figura Pop Milano, +1,85% a 0,934 euro, favorita dalle opinione positive degli analisti. Equita cita il persistere delle aspettative di un processo di fusione e acquisizione nel settore delle popolari e l’esito dei test Srep. Gli analisti della sim hanno cosi’ aumentato il peso di Bpm nel portafoglio principale di 50 punti base, confermando la raccomandazione Buy con prezzo obiettivo fissato a 1,16 euro.

Daniele Chicca 1 Dicembre 201514:11

Dopo un breve sbandamento verso a metà mattina, il listino Ftse MIB è tornato a guadagnare terreno e alle 14 circa fa segnare un rialzo dello 0,43% a 22.816,67 punti vicino ai massimi di giornata. Volumi pari a 800 milioni di euro. A livello settoriale si distingue in positivo il lusso.

Tra i singoli male invece Eni. Tra i migliori figura Pop Milano, +1,85% a 0,934 euro, favorita dalle opinione positive degli analisti. Equita cita il persistere delle aspettative di un processo di fusione e acquisizione nel settore delle popolari e l’esito dei test Srep. Gli analisti della sim hanno cosi’ aumentato il peso di Bpm nel portafoglio principale di 50 punti base, confermando la raccomandazione Buy con prezzo obiettivo fissato a 1,16 euro.

Daniele Chicca 1 Dicembre 201514:16

Dopo un breve sbandamento verso a metà mattina, il listino Ftse MIB è tornato a guadagnare terreno e alle 14 circa fa segnare un rialzo dello 0,43% a 22.816,67 punti vicino ai massimi di giornata. Volumi pari a 800 milioni di euro. A livello settoriale si distingue in positivo il lusso.

Tra i singoli male invece Eni. Rialzi del 2% e 1% per Autogrill e FCA. Tra i migliori figura Pop Milano, +1,85% a 0,934 euro, favorita dalle opinione positive degli analisti. Equita cita il persistere delle aspettative di un processo di fusione e acquisizione nel settore delle popolari e l’esito dei test Srep. Gli analisti della sim hanno cosi’ aumentato il peso di Bpm nel portafoglio principale di 50 punti base, confermando la raccomandazione Buy con prezzo obiettivo fissato a 1,16 euro.

Laura Naka Antonelli 1 Dicembre 201516:56

Ftse Mib sotto pressione, -0,13% a 22.689,33 punti. 

Laura Naka Antonelli 1 Dicembre 201516:59

Tonfo delle vendite Usa di Volkswagen. Lo scandalo sulle emissioni e la credibilità inficiata del colosso tedesco dell’auto ha provocato un crollo delle vendite, nel mese di novembre, pari a -25%.

Laura Naka Antonelli 1 Dicembre 201517:03

I listini europei ritracciano dal massimo in tre mesi dopo la pubblicazione dell’Ism manifatturiero degli Stati Uniti, che si è contratto al ritmo più forte dall’ultima recessione. L’indice benchmark dell’azionario europeo Stoxx Europe 600, che guadagnava +0,5% prima del dato, ha fatto dietrofront, calando alle 16.28 ora italiana -0,4%. L’indice rimane in rialzo +14% rispetto al minimo testato a settembre.

Laura Naka Antonelli 1 Dicembre 201517:11

Positiva la Borsa di Londra, sostenuta da Barclays e Lloyds Banking, con rialzi superiori a +2%. In generale il listino Ftse 100 Index è stato sostenuto dai bancari, che hanno superato gli stress test. Forti i volumi di scambio, in rialzo +26% circa rispetto alla media degli ultimi 30 giorni. Al momento Londra sale +0,65% a 6.397,54 punti. (Ftse 100).

Laura Naka Antonelli 1 Dicembre 201517:14

Petrolio in flessione, con i futures scambiati sul Nymex di New York -0,29% a $41,53 al barile. Brent -0,54% a $44,37. Oro in lieve rialzo, sul Comex +0,12% a $1.066 l’oncia. Sul mercato dei cambi euro solido, in rialzo +0,47% a $1,0615. Dollaro/yen -0,23% a JPY 122,83. Euro/yen +0,23% a JPY 130,35, euro/sterlina +0,42% a 0,7047. Euro/franco svizzero +0,43% a CHF 1,0917,