Prestiti famiglie, indebitamento al +41% in cinque anni

9 Gennaio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Le famiglie italiane comprano – sebbene sempre meno – ma solo a rate. Per affrontare le spese più importanti, molte di loro hanno richiesto dei prestiti per liquidità o sottoscritto finanziamenti rateali presso le grandi catene commerciali. Il fenomeno è talmente diffuso che il tasso di indebitamento delle famiglie è cresciuto del 41% negli ultimi 5 anni.

Lo rivelano i dati appena pubblicati dalla Camera di Commercio di Milano, che mostrano come su ogni famiglia pesi una spesa di quasi 5 mila euro, pari a circa il 20% dell’insieme dei finanziamenti sottoscritti dagli italiani (la maggior parte di questi, il 56%, è rappresentata dai mutui casa).

Auto, elettrodomestici, arredamento, viaggi: solo nel 2011, per queste e altre finalità, sono stati erogati più di 122 miliardi di euro sotto forma di prestiti personali o finalizzati. Una tendenza in aumento, se si pensa che solo 5 anni prima il totale delle somme per il credito al consumo era stata di circa 87 miliardi di euro, con un indebitamento medio per famiglia inferiore di circa 1000 euro.

Se il ceto medio resiste a fatica, le fasce più esposte della popolazione rischiano di essere sopraffatte da troppe rate, non più sostenibili. Sono di poche settimane fa i dati Adiconsum che denunciano un aumento delle richieste di aiuto per sovraindebitamento da parte soprattutto di famiglie monoreddito e pensionati.

Le analisi della Camera di Commercio di Milano e dell’associazione dei consumatori convergono sulla necessità di una maggiore e migliore informazione sulle dinamiche legate alla concessione di prestiti. In particolare, i consumatori dovrebbero avere a disposizione gli strumenti per difendersi dalla pubblicità ingannevole e per orientarsi fra percentuali, tassi e condizioni contrattuali non sempre trasparenti.

A tal proposito, è a disposizione sul sito della Camera di Commercio di Milano una guida in pdf. Lì è possibile reperire tutte le informazioni che bisogna sapere prima di sottoscrivere un contratto per un prestito.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Super Money – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Super Money. All rights reserved