Pil: nel 2020 l’Italia non sarà nemmeno a metà strada

11 Maggio 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Si potrebbe parlare della ripresa più lenta che l’Italia abbia mai visto. Secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale tra cinque anni l’economia sarà a metà della strada che la dovrebbe portare sui livelli pre crisi.

In pratica ci saranno voluti 12 anni per recuperare solo la metà del Pil perso da quando è scoppiata la crisi finanziaria. E questo esclusivamente nel caso in cui tutto dovesse procedere senza intoppi e in un contesto generale equilibrato.

Basandosi sulle cifre dell’analisi del World Economic Outlook di aprile del Fondo di Washington, il banchiere privato Paolo Cardenà ha calcolato che se in Spagna il Pil tornerà sui livelli pre crisi nel 2016, otto anni dopo la crisi, in Italia la dinamica è ben differente e decisamente più deprimente.

Ammesso che le previsioni del Fmi siano corrette – e secondo Cardenà difficilmente lo saranno perché “il Fondo “pecca sempre di troppo di ottimismo” – “tutto dovrà filare liscio come l’olio, cioè l’Italia dovrà evitare (come la peste bubbonica) le eventuali prossime crisi che dovessero presentarsi. Praticamente impossibile. Un periodo di recupero così dilatato non ha alcun precedente per l’Italia, nemmeno a seguito dei due conflitti del secolo passato”.

Fonte: Vincitori e Vinti

(DaC)