Pil Giappone rivisto al rialzo: +3,9% nel primo trimestre

8 Giugno 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il prodotto interno lordo del Giappone, relativo al primo trimestre del 2015, è stato rivisto al rialzo a +3,9% su base annua, contro la lettura preliminare +2,4% e in deciso balzo rispetto al tasso di crescita pari all’1,5%, del periodo compreso tra ottobre e dicembre del 2014.

Su base trimestrale, la crescita è stata +1%, meglio del +0,6% diffuso con il dato preliminare.

La revisione al rialzo è stata dovuta principalmente alle spese in capitale migliori delle stime, che sono salite nel trimestre +2,7%, contro il +0,4% inizialmente reso noto.

Nel complesso, il report sul Pil è stato piuttosto solido – se si guarda alla forza della spesa in conto capitale, ai consumi privati e agli investimenti residenziali, questi sono tutti segnali positivi, che indicano che la ripresa è in corso”, ha detto Izumi Devalier, economista del Giappone presso HSBC.

I dati segiono le dichiarazioni arrivate a margine del summit del G7 dal portavoce del governo, Yasuhisa Kawamura, che ha affermato che l’economia giapponese sta “tornando nell’orbita della crescita”.

Resa nota anche la bilancia delle partite correnti, che ha messo in evidenza un surplus al valore equivalente di $10,55 miliardi; è il decimo mese consecutivo di surplus, sebbene inferiore alle attese di Reuters.

Tuttavia gli analisti suggeriscono cautela e Marcel Thieliant, economista del Giappone presso Capital Economics, stima insieme ad altri che la crescita decelererà nel secondo trimestre. I dati economici di aprile non sono stati affatto confortanti: le spese delle famiglie sono crollate -4,6% su base annua, riportando la flessione, su base annua, più veloce dal marzo del 2011, quando lo tsunami mise il ginocchio il paese. (Lna)