Petrolio leggermente in calo sui timori di nuovi rialzi dei tassi

19 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Oggi il petrolio è leggermente sceso, spinto dalle aspettative di una domanda globale più debole e dalla forza del dollaro Usa in vista di possibili forti aumenti dei tassi di interesse, sebbene le preoccupazioni sull’offerta abbiano limitato il calo. Inoltre, è in agguato il rischio di un aumento di 1 punto percentuale dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense.

Sia la Banca mondiale che il Fondo monetario internazionale hanno avvertito la scorsa settimana di un imminente rallentamento economico globale alla fine del 2022 e del 2023.

Durante il fine settimana, l’influente banca d’affari Goldman Sachs ha tagliato le stime di crescita economica degli Stati Uniti per il 2023, affermando che il prodotto interno lordo del paese aumenterà dell’1,1%, rispetto a una previsione dell’1,5% in precedenza. La proiezione per il 2022 è rimasta invariata allo 0%.

La banca ha basato questo aggiustamento su una nuova percezione di dove andranno a finire i tassi di interesse negli Stati Uniti, in vista della riunione di definizione delle politiche della Fed di questa settimana. Ha aumentato la previsione del tasso sui fondi federali di 75 punti base nelle ultime due settimane, con una previsione del tasso terminale dal 4% al 4,25% entro la fine del 2022.

“L’idea che il continuo aumento dei tassi rallenterà la domanda mondiale di greggio e manterrà la pressione al rialzo sul dollaro Usa sta provocando un calo dei prezzi sia del greggio che del gas naturale”, ha affermato Dennis Kissler, vicepresidente senior del trading di BOK Financial.

Cosa sta influenzando il mercato del petrolio

Il greggio Brent di novembre è sceso a 91,18 dollari al barile, con una perdita dello 0,2%. Il West Texas Intermediate (WTI) per ottobre sono scesi dello 0,14%, a 84,74 dollari al barile.

Il petrolio è stato anche messo sotto pressione dalle speranze di un allentamento della crisi del gas in Europa.

Il greggio è salito alle stelle quest’anno, con il benchmark Brent che si è avvicinato al suo record di 147 dollari a marzo dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha esacerbato le preoccupazioni sull’offerta. Da allora, le preoccupazioni per la crescita economica e la domanda più deboli hanno spinto i prezzi al ribasso.

Il dollaro Usa è rimasto vicino a un massimo di due decenni prima delle decisioni di questa settimana della Fed e di altre banche centrali. Un dollaro più forte rende le materie prime denominate in dollari più costose per i detentori di altre valute e tende a pesare sul petrolio e su altre attività di rischio.

Il mercato è stato anche messo sotto pressione dalle previsioni di una domanda più debole, come la previsione della scorsa settimana dell’Agenzia internazionale per l’energia, secondo cui ci sarebbe stata una crescita della domanda pari a zero nel quarto trimestre.

Nonostante i timori sulla domanda, quelli sull’offerta hanno tenuto sotto controllo il calo.

L’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (Opec) e gli alleati guidati dalla Russia, nota come Opec+, non hanno raggiunto l’obiettivo di produzione di petrolio di 3,583 milioni di barili al giorno ad agosto, secondo un documento interno. A luglio, l’Opec+ ha mancato il suo obiettivo di 2,892 milioni di barili al giorno.

A dare un po’ di ottimismo è stata la notizia dell’allentamento delle restrizioni da Covid-19 in Cina, con la città di Chengdu, la più grande città ad affrontare blocchi da Shanghai all’inizio di quest’anno, che ha iniziato a ridimensionare un blocco di due settimane. Questi blocchi avevano influito negativamente sulle prospettive per la domanda del secondo consumatore di energia mondiale.