Borsa Milano quasi -3%. Raffica sospensioni banche, petrolio buca anche $28

18 Gennaio 2016, di Laura Naka Antonelli

MILANO (WSI) – Borsa Milano è stata affossata dai titoli bancari, in ripresa dai minimi intraday ma comunque ancora pesantemente venduti sul finale. Il Ftse Mib è arrivato a perdere in mattinata anche quasi il -3%, scontando gli attacchi speculativi e il panic selling che hanno travolto tutti i titoli delle banche.

Il listino ha chiuso a 18.686,86 punti (-2,65%). In primo piano Mps, che testa un nuovo minimo storico, zavorrata da perdite record fino a oltre -16%, sospesa per eccesso di ribasso. Ma a entrare in asta di volatilità sono stati anche BPM, Bper, BP, Ubi Banca, mentre Unicredit e Intesa SanPaolo riportano perdite superiori -4%. Non sorprende dunque che Piazza Affari sia stata così la Borsa peggiore tra le principali in Europa.

Da segnalare che la scorsa settimana l’indice di riferimento Stoxx Europe 600 Index è entrato – dopo tre settimane consecutive di perdite – nel mercato orso, in quanto a un valore inferiore -20% rispetto al record dell’aprile del 2015. L’indice di riferimento dell’azionario europeo è sceso al minimo in più di un anno, tornando praticamente ai livelli a cui veniva scambiato prima che la BCE di Mario Draghi annunciasse il suo piano di QE.

Lo Stoxx 600 ha perso infatti -9,8% dall’inizio del 2016 fino allo scorso venerdì, quando ha chiuso al livello più basso dal dicembre del 2014.

Focus sulle dichiarazioni di Tom Stevenson, manager investimenti presso la divisione ‘personal investing’ di Fidelity International, che consiglia agli investitori di tenere ben saldi i nervi:

Dovremmo ricordare che la volatilità è il prezzo che si deve pagare per la performance a lungo periodo dell’azionario, rispetto ad altre classi di asset. Vale la pena di ricordare anche che rimanere pienamente esposti (verso l’azionario) in tutte le fasi dei cicli di mercato ha senso, in quanto perdere anche solo un po’ dei migliori giorni dei mercati può compromettere i ritorni di lungi periodo. E i giorni migliori vissuti dal mercato seguono vicini quelli peggiori”.

Il VStoxx Index, parametro che misura la volatilità delle borse dell’area euro, è balzato al record da settembre.

Male i mercati asiatici, con l’azionario australiano vicino al mercato orso, in calo -18,78% dal massimo delle ultime 52 settimane testato nell’aprile del 2015.

Tokyo ha ceduto -1,12%, Hong Kong -0,86%, Sidney -0,70%. Eccezione positiva Shanghai, con +0,47%, dopo che la People’s Bank of China ha apprezzato il valore dello yuan rispetto al fix di venerdì, portandolo da 6,5637 a 6,5590.

Focus quest’oggi anche sulla capitalizzazione dei mercato azionario globale, capitolata ai minimi dal 2013.

 

Petrolio in caduta libera, sia il contratto WTI che il Brent hanno ceduto fin oltre -4%, con il Brent crollato nelle sessioni asiatiche anche sotto $28 al barile, al minimo dal 2003. Entrambi i contratti hanno poi ridotto le perdite.

Il contratto WTI è reduce da un tonfo -6,33% della scorsa settimana, mentre il Brent ha ceduto sempre la scorsa settimana -8,27%. Bloomberg segnala come gli speculatori della City scommettono sul fatto che il bagno di sangue sulle materie prime continuerà.

Sul mercato valutario, l’euro cede sul dollaro sotto quota $1,09, mentre il dollaro sale sullo yen oltre quota JPY 117.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 18 Gennaio 201610:51

Forte dietrofront di Piazza Affari, con l’indice Ftse Mib che azzera tutti i guadagni e scivola bruscamente in territorio negativo. Ftse Mib -2,84% a 18.650,84 punti. 

Laura Naka Antonelli 18 Gennaio 201610:54

Forti vendite sui bancari a Piazza Affari, con INtesa SanPaolo -4,57%, Ubi Banca sospesa per eccesso di ribasso con calo teorico -4,81%, Unicredit -4,18%, Tra i titoli di altri settori, si salva Telecom Italia con +0,80%, Saipem -5,44%, Mediaset -3,83%, Finmeccanica -4,06%, FCA -2,86%, Ferrari -3,79%. Tornando ai bancari sospese per eccesso di ribasso anche Mps con calo teorico -8,57%, Bper -5,09%, BPM -4,97% e Banco Popolare -3,95%. 

Laura Naka Antonelli 18 Gennaio 201611:00

Il grafico di Bloomberg mette in evidenza che secondo gli speculatori il bagno di sangue sulle commodities continuerà. Il Brent è scivolato durante le contrattazioni asiatiche a $27,67 al barile, al nuovo minimo in 13 anni, sulla scia della revoca delle sanzioni all’Iran, che sarebbe pronto a inondare il mercato con una nuova offerta di petrolio. Embedded image permalink

Laura Naka Antonelli 18 Gennaio 201612:24

L’indice Ftse Mib riduce le forti perdite, ma è alta tensione sui titoli bancari, in particolare su Mps, congelata al ribasso con perdite fino a -13% circa e al nuovo minimo storico a 0,7820 euro. Diversi i titoli bancari sospesi per eccesso di ribasso, come Bper, BPM, BP e Ubi Banca, Intesa SanPaolo. Fuori dal settore, sono stati sospesi anche Mediaset, con un calo teorico di -4,99% a 3,046 euro e Saipem, sospesa con un crollo superiore a -5%. Banche italiane sotto attacco, con l’indice Ftse Italia Banche che ha cedito -4,5% circa contro il -2% circa del sottoindice dei bancari europei Euro Stoxx Banks. 

Laura Naka Antonelli 18 Gennaio 201612:26

I prezzi del petrolio riducono il crollo sofferto nelle contrattazioni dei mercati asiatici. WTI Crude -0,92% a $29,15, Brent -0,93% a $28,67. Oro in lieve rialzo, +0,17% a $1.090,75. Sul mercato valutario, euro in calo -0,19% a $1,0895. Dollaro/yen +0,32% a JPY 117,36. A metà giornata l’indice Ftse Mib cede -2,08% a quota 18.797,23 punti. 

Laura Naka Antonelli 18 Gennaio 201612:32

Con le perdite di oggi, l’indice di riferimento dell’azionario europeo Stoxx 600 estende le perdite dagli inizi di dicembre a -15%.

The Stoxx 600 index over the last quarter
Laura Naka Antonelli 18 Gennaio 201612:35

Sell off globale sull’azionario, l’indice principale della Borsa indiana, il Sensex, è scivolato al minimo dal 21 marzo del 2014, ovvero al valore più basso in 20 mesi, chiudendo in calo -1,12% a 24.180,13. Hong Kong ha ceduto -1,1%, precipitando al minimo in tre anni, sulla scia dei dubbi sull’economia della Cina. Shanghai ha chiuso alla fine la sessione in rialzo +0,4%. La Borsa di Tokyo è vicina al mercato orso; oggi l’indice Nikkei ha perso -191 punti, -1,1%, a 16.955 punti. Si tratta del minimo in quattro mesi, e -19% circa dai massimi di agosto. Il listino è sotto quota 17.000 per la prima volta da settembre.

Embedded image permalink
Laura Naka Antonelli 18 Gennaio 201615:24

Il valore di mercato dell’intero azionario globale è crollato al minimo dall’autunno del 2013. Embedded image permalink

Laura Naka Antonelli 18 Gennaio 201615:28

Borsa Milano si conferma la peggiore in Europa tra gli indici principali, con il Ftse Mib che registra una perdita -2,28% a 18.757,75 punti. Mps aggiorna i minimi storici edè congelata al ribasso, con un tonfo -14,42% a 0,7685 euro. Forti sell off su tutte le banche, come Bper -8,73%, BPM -6,73%, BPM -5,49%, Intesa SanPaolo -4,78%, Unicredit -4,41%, Ubi Banca -6,57%. Molto male anche Saipem -5,29%. Tra i titoli positivi Stm +0,67%, Moncler +1,99%, Luxottica +0,97%, Telecom Italia +0,67%.

Daniele Chicca 18 Gennaio 201617:50

Piazza Affari si conferma la peggiore Borsa europea in questo inizio di settimana. Il listino italiano ha chiuso a 18.686,86 punti (-2,65%). In primo piano Mps, che testa un nuovo minimo storico, zavorrata da perdite record (-15% in chiusura), sospesa più volte per eccesso di ribasso. 

A entrare in asta di volatilità sono state anche le azioni di BPM, Bper, BP, Ubi Banca, mentre Unicredit e Intesa SanPaolo riportano perdite superiori al -5%. Fuori dal settore bancario, si distingue in negativo Saipem (-6,34%) che paga la debolezza diffusa del comparto energetico.