Petrolio crolla sui colloqui Russia/Ucraina e sui nuovi lockdown in Cina

14 Marzo 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono scesi di circa 5 dollari al barile nella prima parte della seduta di lunedì, poiché gli investitori riponevano speranze negli sforzi diplomatici di Ucraina e Russia per porre fine al conflitto, mentre un’impennata di casi di COVID-19 in Cina ha spaventato i mercati.

Il Brent è sceso del 3,97% a $109,880 al barile alle e il greggio US West Texas Intermediate (WTI) è sceso del 5,07% a $104,00 al barile.

Entrambi i contratti sono aumentati dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio e sono aumentati di circa il 40% da inizio anno.

Gli eventi internazionali influenzano i prezzi del petrolio

I negoziatori ucraini e russi parleranno di nuovo oggi tramite collegamento video. I negoziatori hanno espresso le loro valutazioni più ottimistiche dopo i negoziati del fine settimana, suggerendo che potrebbero esserci risultati positivi entro pochi giorni.

“Oltre ai nuovi colloqui tra Ucraina e Russia, immagino che i nuovi blocchi in Cina siano la ragione di un inizio di settimana negativo per il greggio”.

Ha affermato l’analista di UBS Giovanni Staunovo.

La Cina, il più grande importatore mondiale di petrolio greggio e il secondo consumatore dopo gli Stati Uniti, sta assistendo a un aumento dei casi di COVID-19, poiché la variante Omicron altamente trasmissibile si diffonde in più città, innescando focolai da Shanghai a Shenzhen.

I dati giornalieri sul carico di nuovi casi hanno raggiunto i massimi di due anni con 1.437 nuovi casi confermati di coronavirus segnalati il ​​13 marzo.

“Questa settimana, i partecipanti al mercato stanno seguendo da vicino l’evoluzione delle esportazioni petrolifere russe. Finora questo mese i flussi di petrolio non sono stati interrotti” ha aggiunto Staunovo.

La produzione russa di petrolio e gas è salita a 11,12 milioni di barili al giorno finora a marzo, nonostante le sanzioni sul petrolio russo.

Gli Stati Uniti hanno annunciato un divieto alle importazioni di petrolio russo e la Gran Bretagna ha detto che le avrebbe gradualmente eliminate entro la fine dell’anno. La Russia è il principale esportatore mondiale di greggio e prodotti petroliferi messi insieme, spedisce circa 7 milioni di barili al giorno o il 7% delle forniture globali.

Il primo ministro britannico Boris Johnson sta cercando di persuadere l’Arabia Saudita ad aumentare la sua produzione di petrolio, a seguito di notizie secondo cui Johnson si sarebbe recato dal peso massimo dell’OPEC questa settimana.

“I prezzi del petrolio potrebbero continuare a moderare questa settimana poiché gli investitori hanno digerito l’impatto delle sanzioni sulla Russia, insieme alle parti che mostrano segni di negoziazione per il cessate il fuoco”

ha affermato Tina Teng, analista di CMC Markets.

Gli investitori stanno inoltre osservando da vicino la riunione della Federal Reserve statunitense di questa settimana. La Fed dovrebbe iniziare ad aumentare i tassi di interesse, il che aumenterebbe la forza del dollaro e eserciterebbe pressioni al ribasso sui prezzi del petrolio.

I prezzi del petrolio in genere si muovono inversamente rispetto al dollaro USA, con un biglietto verde più forte che rende le materie prime più costose per i detentori di valute estere.