L’Opec+ annuncia tagli record alla produzione di petrolio

5 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

L’Opec+ ha concordato i tagli più profondi alla produzione di petrolio dalla pandemia di Covid-19 nella riunione tenutasi oggi a Vienna, frenando l’offerta in un mercato già ristretto, nonostante le pressioni degli Stati Uniti e di altri paesi di produrre più petrolio.

Il taglio potrebbe stimolare una ripresa dei prezzi del petrolio che sono scesi a circa 90 dai 120 dollari di tre mesi fa a causa dei timori di una recessione economica globale, dell’aumento dei tassi di interesse statunitensi e di un dollaro più forte.

Gli Stati Uniti avevano suggerito all’Opec di non procedere con i tagli, sostenendo che i fondamentali non li supportano. Fonti hanno affermato che non è chiaro se i tagli potessero includere ulteriori riduzioni volontarie da parte di membri come l’Arabia Saudita o se potessero includere la sottoproduzione esistente da parte del gruppo. La produzione dell’Opec+ è scesa di circa 3,6 milioni di barili al giorno, al di sotto del suo obiettivo di produzione ad agosto.

“L’aumento dei prezzi del petrolio, se guidato da notevoli tagli alla produzione, potrebbe irritare l’amministrazione Biden prima delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti”, hanno affermato in una nota gli analisti di Citi. “Potrebbero esserci ulteriori reazioni politiche da parte degli Stati Uniti, inclusi ulteriori rilasci di azioni strategiche”, ha affermato Citi, riferendosi a un disegno di legge antitrust statunitense contro l’OPEC.

J.P. Morgan ha anche affermato che si aspetta che Washington metta in atto contromisure, rilasciando più scorte di petrolio.

I prezzi del petrolio aumentano

L’Arabia Saudita e altri membri dell’Opec+, che raggruppa l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e altri produttori, inclusa la Russia, hanno affermato di cercare di prevenire la volatilità, piuttosto che di puntare su un particolare prezzo del petrolio. Il greggio di riferimento Brent intanto è salito a 93 dollari al barile.

Parte del motivo per cui Washington vuole abbassare i prezzi del petrolio è privare Mosca delle entrate petrolifere, mentre l’Arabia Saudita non ha condannato le azioni di Mosca.

Le relazioni sono state tese tra l’Arabia e l’amministrazione di Biden, che quest’anno si è recato a Riyadh ma non è riuscito a garantire alcun fermo impegno di cooperazione sull’energia.

“La decisione è tecnica, non politica”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti Suhail al-Mazroui prima dell’incontro.  Anche il vice primo ministro russo Alexander Novak, che la scorsa settimana è stato inserito nell’elenco delle sanzioni speciali per i cittadini designati degli Stati Uniti, si è recato a Vienna per partecipare alle riunioni. Ricordiamo che Novak non è soggetto alle sanzioni dell’Ue.