Zona euro: Commissione rivede PIL al ribasso nel 020

10 Luglio 2019, di Alessandra Caparello

Nella zona euro la crescita del Pil quest’anno sarà all’1,2 per cento e al 4 per cento nel 2020. Così la Commissione europea nelle sue nuove previsioni economiche conferma la previsione per il 2019 fatta all’inizio di febbraio e corregge al ribasso quella per il 2020.

“Le prospettive a breve termine dell’economia europea sono offuscate da fattori esterni, come le tensioni commerciali globali e da una significativa incertezza politica, che pesano sulla fiducia nel settore manifatturiero, il più esposto al commercio internazionale, e indeboliranno le prospettive sul resto dell’anno”.

Malta al top nel 2019 (+5,3%), seguita da Ungheria e Polonia (+4,4%), e dall’Irlanda (+4%). Nella zona euro – continua la Commissione – l’inflazione aumenterà dell’1,3% in entrambi gli anni, anche qui con una revisione al ribasso dello 0,1% rispetto a quanto previsto a febbraio, mentre nella Ue il tasso di inflazione aumenterà dell’1,5% quest’anno e dell’1,6% l’anno prossimo, in ribasso dall’1,6% e 1,7% stimato a febbraio.