Terna acquista l’intera rete elettrica delle Fs

10 Dicembre 2015, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Si conclude il processo di privatizzazione di Ferrovie dello Stato che porterà nel 2016 alla quotazione in borsa del gruppo.

Nella giornata di ieri è stato siglato un contatto di compravendita tra Fs e la società Terna per l’acquisizione dell’intero capitale di S.El.F, società elettrica ferroviaria s.r.l. interamente controllata da Ferrovie dello Stato e operante nella trasmissione dell’energia elettrica. Un’operazione a 757 milioni di euro. Un’opportunità enorme per Terna come ha commentato l’a.d. Matteo Del Fante.

“Avevamo identificato un’opportunità per Terna e per l’intero sistema elettrico italiano, perciò siamo molto soddisfatti di aver concluso un’operazione industriale tanto complessa nei tempi che ci eravamo prefissati e che avevamo annunciato. Per noi e per il Paese si tratta di un traguardo importante, poichè questa acquisizione darà vita ad un’unica rete di trasmissione, che eviterà duplicazioni e consentirà di garantire maggiore sicurezza, efficienza e risparmi. Inoltre, in un’ottica internazionale, Terna potrà ora contare su una forza ancora maggiore nel processo di integrazione delle reti, sia in Europa che nel Mediterraneo”.

Entusiasmo anche da parte dell’aministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini:

“Siamo orgogliosi di aver realizzato un’operazione industriale che possiamo considerare di sistema, come previsto dalla Legge di stabilità del 2015. FS ottiene infatti risorse da destinare agli investimenti in infrastrutture ferroviarie e per potenziare i trasporti pubblici mentre a Terna vanno asset che estendono e rafforzano la rete elettrica nazionale”.