Takata potrebbe aver falsificato dati su airbag

24 Febbraio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Si fa piu’ forte la pressione dei parlamentari Usa sulle autorità federali e su Takata per accelerare il ritiro di milioni di airbag, citando prove in base alle quali la società giapponese avrebbe falsificato i dati per coprire i problemi del prodotto. 

Intanto, un consorzio di 10 case automobilistiche (che include Honda Motor, Toyota Motor, Ford Motor, General Motors e Fiat Chrysler Automobiles) ha riferito che la causa della rottura degli airbag, collegata a 10 decessi e oltre 100 feriti, è una combinazione di esposizione all’umidità e problemi di progettazione e manifattura, oltre all’uso del nitrato di ammonio.

Nel frattempo, la commissione del Senato Usa su trasporti, commercio e scienza ha invece citato una serie di documenti interni di Takata degli ultimi 12 anni che mostrano come funzionari della società avrebbero sostenuto che i dati sugli airbag e i test siano stati manipolati per nascondere problemi.