Russia: Pil crolla al 3,7% nel 2015. Colpa del petrolio

25 Gennaio 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Crolla il Pil russo del 3,7% nel 2015 dopo un aumento dello 0,6% nel 2014. A renderlo noto l’ufficio nazionale di statistica Rosstat, secondo cui i dati elaborati sono conformi alle previsioni del presidente Vladimir Putin e del ministero dell’Economia del Cremlino.

Il rallentamento è dovuto al calo del prezzo del petrolio e alle sanzioni dei paesi occidentali. Mosca tenta di correrei ai ripari e per non far schizzare il deficit sopra il limite del 3% con la carta del taglio del 10% della spesa pubblica e delle privatizzazioni.