Generali fissa target S&P 500 nel range 3.200–3.350

6 Luglio 2020, di Mariangela Tessa

Gli analisti di Generali fissano la valutazione del S&P 500 entro fine anno nel range 3.200–3.350.

“Per la valutazione dell’indice S&P 500 ci basiamo sul metodo dell’average risk premium riscontrato nel secolo scorso e sui dati del sito Shiller, restingendo i periodi considerati a quelli di bassa inflazione. Per definire il valore obiettivo valutiamo sia dati di consensus, sia nostre attese proprietarie e, a seconda delle ipotesi, otteniamo le seguenti valutazioni coerenti con il premio al rischio di lungo periodo. In particolare, l’utilizzo di stime per i prossimi 12 mesi al posto di quelle correnti aggiunge circa 450 index point al livello target dell’indice S&P500.

Utilizzando un rischio inferiore del 25% anziché del 40% (percentuale della deviazione standard storica aggiunta al premio per il rischio medio per motivi di cautela), l’obiettivo S&P aumenterebbe di altri 360 index point.

Un rischio più basso del 25% è giustificato secondo noi dalla riduzione dei rischi esogeni da metà marzo e, soprattutto, dal miglioramento delle condizioni finanziarie attraverso uno straordinario sostegno delle politiche sia fiscali che monetarie. Il risultato è che l’indice statunitense, nelle circostanze attuali, potrebbe assestarsi al valore di circa 3.300 punti entro un anno, soprattutto grazie ai bassi tassi reali a 10 anni” spiega Michele Morganti, Senior Equity Strategist di Generali Investments.