Eurozona, dietrofront allarmante della fiducia dei consumatori

21 Marzo 2016, di Laura Naka Antonelli

roma (WSI) – Nuove notizie negative dal fronte macroeconomico dell’Eurozona. Nel mese di marzo, l’indice che misura la fiducia dei consumatori è sceso di 0,9 punti a -9,7 nell’area. Giù anche l’indice dell’ Unione europea, calato di 0,7 punti a -7,3. I dati sono stati resi noti in via preliminare dalla Commissione Ue.

Così ha commentato il dato Dennis De Jong, managing director presso UFX.com:

“Con più della metà dei membri dell’Eurozona che versano in una condizione di deflazione, incluse Germania, Italia e Francia, non sorprende il tonfo della fiducia dei consumatori. Il numero uno della Bce di Mario Draghi ha ormai esaurito le opzioni, e l’imminente referendum nel Regno Unito sull’appartenza all’Ue, atteso per il mese di giugno, sta seminando una grande fetta di insicurezza in tutta l’Europa. L’incertezza dovrebbe permanere, con diversi osservatori che prevedono un’altra estate di aumento dell’immigrazione economica, mentre le cruciali elezioni attese in Germania e Francia potrebbero cambiare l’orientamento politico (di questi due paesi)”.