MPS: potremmo non riuscire a rimborsare Monti Bond

29 Aprile 2013, di Redazione Wall Street Italia

SIENA (WSI) – Sono un debito dello stato e non riuscire a rimborsali andrebbe a discapito dei cittadini. Ora emerge che MPS potrebbe non riuscire a rimborsare i Monti Bond utilizzati per risanare la banca senese in piena crisi.

“La principale sfida che ha davanti la banca è il rimborso dei Monti Bond. Dobbiamo farcela, è l’unico modo per mantenere l’indipendenza e la sede a Siena”. Così il presidente di Mps, Alessandro Profumo, intervenuto all’assemblea degli azionisti. “Dobbiamo averne consapevolezza -avverte- o ci prendiamo in giro”

“La banca ce la può fare ma – continua Profumo – dico con chiarezza che nulla è scontato”. Per riuscire a rimborsare i Monti Bond, il presidente di Mps vede “due passaggi” decisivi: “recuperare redditività” e “aumentare la solidità patrimoniale passando per un aumento di capitale”.

Tutto questo, “in uno scenario che vedrà i ricavi scendere per effetto del mondo esterno”. Quindi, per Profumo, è indispensabile continuare nel “taglio dei costi”.

Altre vie non ci sono: “non ci sono ricette magiche, se non vogliamo prendere in giro se stessi e gli altri”, conclude Profumo.

“Le banche che hanno incassato consistenti proventi per strutturare le due operazioni dovevano dunque avere piena cognizione delle loro opache finalità”. Questa e’ l’accusa mossa a Nomura e Deutsche Bank nella relazione stilata dai consulenti di Mps Giovanni Petrella e Andrea Resti, in merito alle operazioni Alexandria e Santorini.

Oggi gli azionisti sono chiamati a votare sull’autorizzazione all’azione di responsabilità già intrapresa.