Morgan Stanley: “alla larga dalla Borsa Usa, ecco dove investire”

17 Maggio 2019, di Mariangela Tessa

Dimenticato dagli investitori, tanto da essere finito in territorio di ipervenduto, il mercato azionario giapponese è considerato una scommessa vincente per gli analisti di Morgan Stanley, che vedono forti spunti di rialzo per la Borsa di Tokyo tanto da prevedere un rimbalzo dell’indice Topix fino a fino al 15% entro giugno 2020.

In un rapporto pubblicato questa settimana, la banca d’investimento ha affermato che il Giappone “è stato raramente più economico”.

“Sotto diversi aspetti il ​​Giappone è l’immagine opposta degli Stati Uniti; è tatticamente ipervenduto e non amato mentre le valutazioni relative medie sono ai minimi storici “, dice Morgan Stanley in una nota.

Il Topix giapponese è crollato di circa il 14% in un anno, mentre il Nikkei 225 è ha segnato un calo del 6,5% circa. Nello stesso periodo, l’S&P 500 ha segnato un aumento del 5,65% rispetto a un anno fa mentre il Nasdaq Composite è aumentato di quasi il 12%.

Morgan Stanley preferisce il Giappone anche all’Europa

“Sebbene l’Europa e il Giappone possano essere entrambi classificati come non amati e sottovalutati, preferiamo il secondo perché riteniamo che offra una migliore redditività potenziale più convincente”, ha aggiunto l’istituto americano.

Negli ultimi tempi, le preoccupazioni per l’economia giapponese sono cresciute ma la banca ha dipinto una quadro roseo per gli utili societari e ha affermato che qualsiasi miglioramento nell’economia cinese potrebbe essere anche una buona notizia per le aziende giapponesi.

“Riteniamo inoltre che le prospettive di redditività per le società giapponesi abbiano una tendenza in crescita”, si legge nel report, in cui si specifica che “continuiamo a sovrappesare il Giappone, che è tra i mercati principali, quello più a buon mercato”

Sul forte opposto, Morgan Stanley considera quello americano da “sottopesare” a causa delle “valutazioni eccessive”.