Luna: la Corea del Sud emette un mandato di arresto per Do Kwon

14 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Un tribunale sudcoreano ha emesso un mandato d’arresto per il fondatore di Terraform Labs, Do Kwon, circa quattro mesi dopo l’implosione dell’ecosistema Terra/Luna. Il giornale locale “Chosun” riferisce che una squadra dell’ufficio del procuratore del distretto meridionale di Seoul ha emesso mandati d’arresto anche per altri dipendenti, tra cui Nicholas Platias, ex capo della ricerca presso Terra e il membro dello staff Han Mo. Si ritiene che tutti e tre risiedano attualmente a Singapore.

Gaetano Manfrini, un avvocato dell’ecosistema GEMMA con sede in Brasile, ha twittato che i mandati di arresto sono stati emessi per un totale di cinque affiliati, tra cui Kwon. Le loro informazioni saranno inviate all’avviso rosso dell’Interpol, che consente il loro arresto in più giurisdizioni e potrebbe comportare l’estradizione, ha aggiunto. I warrant hanno validità di un anno.

Le accuse mosse contro di loro sarebbero legate a violazioni delle leggi sul mercato dei capitali. Lunedì si è diffusa la voce che i pubblici ministeri sudcoreani stavano valutando la possibilità di classificare il token Luna di Terra come un titolo: ciò avrebbe implicato per Kwon e altri sviluppatori di Terraform Labs delle violazioni del Capital Markets Act del paese, ex Securities and Exchange Act, che regola i prodotti di investimento.

Terraform Labs, con sede a Seoul, è indagata dopo il famigerato crollo di Terra USD (UST), la stablecoin algoritmica che si è drammaticamente staccata dal dollaro Usa a maggio. Dopo il suo crollo, quasi 45 miliardi di dollari sono stati spazzati via dai valori di mercato di UST e della sua gemella Luna in soli sette giorni e hanno innescato una crisi di liquidità che ha contribuito al fallimento di numerosi prestatori di criptovalute e società di hedge fund, in particolare Celsius, Voyager e 3AC. Nella sua prima intervista dopo l’incidente, Do Kwon ha detto di aver trascurato i rischi di UST. “Con il senno di poi, penso che avremmo dovuto essere più scettici”, ha detto a “Coinage”.

All’indomani del rovesciamento della stablecoin, i pubblici ministeri avevano impedito ai dipendenti Terraform di lasciare la Corea del Sud durante le indagini. Ma Do Kwon aveva già lasciato il paese. Durante l’indagine, altri exchange di criptovalute locali sono stati perquisiti al fine di stabilire possibili collegamenti a Terraform Labs.