Criptovalute, Voyager Digital cerca di riorganizzarsi dopo il fallimento

7 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

Voyager Digital ha dichiarato bancarotta martedì scorso, diventando la seconda azienda di criptovalute di alto profilo a farlo negli ultimi giorni.

La società canadese, con sede a Toronto, ha presentato istanza di protezione dal fallimento presso il tribunale distrettuale meridionale degli Stati Uniti di New York, stimando più di 100.000 creditori e un patrimonio compreso tra $1 miliardo e $10 miliardi. Ha registrato lo stesso intervallo anche per le sue passività. La società ritiene che “i fondi saranno disponibili per la distribuzione ai creditori”.

La crisi delle società crittografiche

Le società crittografiche e in particolare i prestatori, hanno dovuto affrontare problemi di solvibilità nelle ultime settimane, con diversi provider che hanno impedito ai clienti di ritirare i propri fondi. Celsius ha dato il via a questa tendenza il mese scorso, annunciando a metà giugno che avrebbe sospeso i prelievi. CoinLoan, CoinFLEX e la stessa Voyager hanno tutti annunciato restrizioni o interruzioni definitive sui prelievi negli ultimi giorni.

Voyager si unisce a Three Arrows Capital nella dichiarazione di fallimento. Three Arrows, tuttavia, ha presentato una petizione legata a uno sforzo di liquidazione in corso ordinato da un tribunale delle Isole Vergini britanniche.

La scrittrice Frances Coppola ha dichiarato che il registro di prestito di Voyager rappresentava quasi la metà del suo patrimonio totale e quasi il 60% di quel libro di prestito era composto da prestiti a Three Arrows.

In una dichiarazione pubblicata online il ceo di Voyager, Steven Ehrlich, ha affermato che la riorganizzazione dell’azienda “è il modo migliore per proteggere” i beni dell’azienda e ha puntato il dito contro Three Arrows per alcuni dei suoi problemi. A seguito di tale dichiarazione, Ehrlich ha scritto su Twitter:

“I clienti con criptovalute nei loro account riceveranno in cambio una combinazione delle criptovalute nei loro account, proventi del recupero 3AC, azioni comuni nella società appena riorganizzata e gettoni Voyager.”

I depositi erano protetti dall’assicurazione FDIC?

L’istanza di fallimento è stata depositata quando gli osservatori del settore stavano aumentando il loro controllo sulle pratiche commerciali di Voyager, in particolare sul fatto che i depositi degli investitori siano protetti o meno dall’assicurazione della Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC). L‘assicurazione FDIC proteggerebbe effettivamente i depositi in contanti detenuti dalle banche fino a $250.000, ma non coprirebbe i contanti convertiti in stablecoin. I commentatori, tra cui Coppola, hanno pertantodefinito fuorviante il marketing di Voyager sulla gestione dei depositi.

Creditori

Secondo l’istanza di fallimento, i detentori di azioni di Voyager Digital Ltd. includono Alameda Research Ventures LLC e Alameda Ventures Ltd., due società associate a Sam Bankman-Fried, il fondatore dell’exchange di criptovalute FTX, che ha esteso le linee di credito e salvato altre società di criptovalute. Voyager deve anche aGoogle quasi $1 milione.

Le azioni di Voyager, già colpite dal sell-off del mercato delle criptovalute, erano scambiate a 27 centesimi alla chiusura del mercato martedì, per una capitalizzazione di mercato di $65 milioni di dollari canadesi. Il titolo è stato scambiato sopra i $20 a novembre, ma il mese scorso è sceso sotto il dollaro.

Voyager ha anche affermato nel suo blog di avere $110 milioni in contanti, $350 milioni in contanti al Metropolitan, $1,3 miliardi in criptovalute e $650 milioni da riscuotere da Three Arrows. Le azioni sono attualmente sospese alla Borsa di Toronto, in vista del delisting.