Lavoro, da gennaio incentivi ai giovani ‘startupper’

19 Novembre 2015, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Al via da metà gennaio dell’anno prossimo il Selfiemployment, un nuovo Fondo rotativo nazionale che eroga finanziamenti agevolati ad under 30anni iscritti alla Garanzia giovani.

I nuovi incentivi, come spiega Francesco Oliva su ForexInfo, consistono in dei finanziamenti di importo compreso tra 5mila e 50mila euro, con tasso zero e senza dover fornire alcune garanzia personale. Con una dotazione finanziaria di partenza di 124 milioni, conferiti dal Ministero (50 milioni) e dalle Regioni Veneto, Emilia-Romagna, Lazio, Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia, il Fondo Rotativo Nazionale è gestito da Invitalia ed è destinato a promuovere le iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità attraverso credito agevolato per gli iscritti a Garanzia Giovani.

I giovani potranno presentare domanda di finanziamento al Fondo per la concessione di prestiti, per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali, che avranno un importo variabile da un minimo di 5 mila ad un massimo di 50 mila Euro. I prestiti verranno erogati a tasso di interesse zero senza garanzie personali.

Il Fondo è stato presentato qualche giorno fa dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti e dall’Amministratore Delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, durante una conferenza stampa, il quale sottolinea gli sforzi fatti finora per sostenere l’imprenditoria giovanile.

“C’è una crescente domanda di imprenditorialità da parte dei giovani sempre più orientati a inventarsi un lavoro e non solo cercarlo o trovarlo. Vanno in questa direzione Smart&Start, l’incentivo che in un anno e mezzo ha fatto nascere oltre 620 imprese innovative. Dal prossimo 13 gennaio partirà poi Nuove Imprese a Tasso Zero, che prevede finanziamenti fino a 1,5 milioni di euro. Con SELFIEmployment il governo completa questo portafoglio perché è destinato a sostenere iniziative di microimpresa e lavoro autonomo, con impegni meno rilevanti (…) Noi metteremo a disposizione del Fondo tutte le competenze accumulate nel tempo: la presentazione dei progetti sarà paperless, daremo una risposta entro 60 giorni dall’invio del business plan, accompagneremo i giovani anche nella fase di elaborazione e di implementazione dell’idea di impresa”.