Italia, Germania e Francia: cosa succederà nei prossimi mesi

3 Gennaio 2022, di Alessandra Caparello

Germania, Francia e Italia sono le tre grandi economie della zona euro che nel 2022 assisteranno a dei grandi cambiamenti dal punto di vista politico il che potrebbe avere implicazioni significative per i mercati finanziari.

La Germania ha appena voltato pagina dopo ben 16 anni di leadership di Angela Merkel. La Francia si sta preparando per un’incerta elezione presidenziale in primavera e infine l’Italia sta aspettando con ansia di scoprire se Mario Draghi lascerà il posto di Presidente del Consiglio.

“Potremmo trovarci in un “momento spartiacque” piuttosto profondo, con significative implicazioni positive per le politiche”, ha detto Erik Nielsen, capo economista del gruppo UniCredit, in una nota ai clienti a dicembre riportata dalla Cnbc.

Italia: cosa farà Mario Draghi

Partendo dall’Italia, tutti anche all’estero, vogliono sapere se Mario Draghi rimarrà come primo ministro del paese o se invece sceglierà di essere il prossimo presidente della Repubblica. Se scegliesse questa seconda opzione, potrebbe esserci una nuova ondata di incertezza politica, data la frammentazione del Parlamento italiano.

“La linea di fondo è che l’equilibrio politico che ha prevalso dalla nomina di Draghi a premier è destinato ad essere scosso, se non rotto, dal prossimo voto presidenziale”, ha detto Wolfango Piccoli, co-presidente della società di consulenza Teneo, in una nota a dicembre.

Come presidente della Repubblica, Draghi avrebbe meno influenza diretta sulla politica italiana. “Farebbe fatica ad agire per conto dell’Italia nei confronti dell’UE dal palazzo presidenziale”, ha detto Piccoli.

Tuttavia, Roma avrebbe ancora un presidente pro-europeo che avrebbe voce in capitolo in alcune delle misure che un nuovo governo potrebbe prendere. Se Draghi rimanesse come Presidente del Consiglio invece, il suo lavoro “potrebbe essere più complicato nei prossimi mesi, a seconda di come la coalizione di governo gestisce il processo elettorale presidenziale”, ha notato Piccoli.

Draghi è a capo di un governo tecnocratico, sostenuto dai vari gruppi politici del Parlamento italiano. Senza i loro voti, il lavoro di Draghi potrebbe incontrare ostacoli nella presentazione di nuove leggi.

Tuttavia, “in questo scenario, Draghi rimarrebbe quasi certamente primo ministro fino alle elezioni del 2023, assicurando così all’Italia un’influenza senza precedenti sulle principali politiche europee il prossimo anno e, forse, lasciando la politica italiana un po’ meno ancorata nel lungo termine”, ha aggiunto Nielsen.

Germania: cosa succederà nei prossimi mesi

Dopo l’era di Angela Merkel, il nuovo governo guidato da Olaf Scholz “introdurrà delle riforme significative in Germania, anche se meno eclatanti e dirette di quelle desiderabili, e molto probabilmente faciliterà anche le riforme in Europa”, ha detto Nielsen.

Il nuovo governo ha promesso di decarbonizzare l’economia tedesca e di investire nella digitalizzazione. Allo stesso tempo, l’idea del Cancelliere Scholz è anche quella di seguire una sana politica fiscale dal 2023 in poi, una volta che gli stimoli per affrontare la pandemia verranno cancellati.

L’economia tedesca è cresciuta del 2% nel secondo trimestre del 2021 e dell’1,7% nel terzo trimestre, secondo l’ufficio nazionale di statistica. Nell’intero 2020, il Pil è sceso di quasi il 5%. Questi numeri sono stati significativamente influenzati dalla pandemia e dai problemi della catena di approvvigionamento.

“Non appena gli attriti della catena di approvvigionamento globale cominceranno a diminuire e la quarta ondata della pandemia sarà alle nostre spalle, la produzione industriale rimbalzerà fortemente, il consumo privato comincerà a riprendere e gli investimenti fioriranno e l’economia tedesca dovrebbe mettere in scena una rimonta impressionante come campione di crescita europea 2022”, ha aggiunto Nielsen.

Francia: si vota fra pochi mesi

Guardando alla Francia, gli elettori andranno alle urne alla fine di aprile. Il presidente in carica Emmanuel Macron non ha ancora annunciato la sua intenzione di correre per un secondo mandato tuttavia, è attualmente al primo posto tra tutti i candidati.

Eric Zemmour, un candidato anti-immigrazione, è visto come una minaccia per la politica affine Marine Le Pen. Nel frattempo, l’arrivo di Valerie Pecresse a guidare la sua campagna conservatrice di centro-destra è anche vista come una sfida a Macron, se decidesse di correre per un secondo mandato. Nielsen ha descritto la Pecresse come un “serio contendente contro il favorito, ancora non dichiarato, Macron”, se arriva al secondo turno delle elezioni. Al momento, è al quarto posto, dopo Macron e i due candidati di estrema destra.

“Macron dovrà quindi navigare in un percorso ancora più stretto per riformare la Francia, in particolare per quanto riguarda le pensioni, il servizio pubblico e il mercato del lavoro”, hanno detto gli analisti di ING.

Tuttavia, una vittoria di Macron significherebbe che la Francia avrebbe ancora un leader pro-europeo che lavorerà con la Germania e l’Italia per riformare la regione.