Il giudice dà ragione a Ripple Labs: XRP vola

30 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

XRP ha visto il suo prezzo salire oltre l’8,8% ieri a seguito di una sentenza favorevole del tribunale distrettuale per Ripple Labs nella sua causa contro la Sec. La giudice Analisa Torres si è pronunciata a favore di Ripple per il rilascio dei documenti che aveva chiesto all’autorità di regolamentazione finanziaria. I documenti sono incentrati su un discorso del 2018 pronunciato da William Hinman, ex direttore della divisione di finanza aziendale della Sec.

Il discorso di Hinman, pronunciato al Summit di Yahoo Finance All Markets nel giugno di quell’anno, affermava che ETH non era considerato un titolo: un punto di contesa che Ripple spera di mettere in evidenza nella sua difesa contro l’autorità di regolamentazione.

In seguito è stata letta la sentenza del giudice Sarah Netburn contro la Sec e i suoi tentativi di trattenere i documenti richiesti da Ripple, a febbraio e di nuovo ad aprile. La difesa di Ripple si basa sull’argomento che se Ether (ETH) non era considerato un titolo in quel momento, allora perché XRP, che è per caratteristiche di progetto più simile a una valuta, dovrebbe essere soggetto alle regole sui titoli?

Cosa è accaduto tra Ripple Labs e la Sec?

Nel dicembre 2020, la Sec ha intentato una causa contro Ripple e contro l’ex e l’attuale ceo Brad Garlinghouse e Chris Larsen, sostenendo che la società e i suoi dirigenti abbiano violato le leggi sui titoli nel 2013 quando hanno cercato di raccogliere fondi senza prima registrarsi presso l’agenzia. Al centro del caso è stata la scoperta di documenti, comprese le e-mail, relativi alle osservazioni di Hinman, che la Sec ha tentato di sostenere che rientrino nel privilegio del processo deliberativo (DPP).

Il DPP protegge alcune informazioni interne all’agenzia pre-decisionale dalla divulgazione durante il contenzioso ed è una disposizione abbastanza comune nella maggior parte delle democrazie consolidate, compresi gli Stati Uniti. Entrambe le parti in causa hanno convenuto che il caso dovrebbe essere deciso dalla giudice Torres con un giudizio sommario previsto nei prossimi mesi.

La Sec ora accusa anche Hydrogen

L’autorità di regolamentazione dei titoli ha annunciato mercoledì nuove accuse contro la poco conosciuta società di tecnologia finanziaria con sede a New York, Hydrogen Technology Corporation, il suo ex ceo, Michael Ross Kane e Tyler Ostern, ceo di Moonwalkers Trading Limited. La divisione Enforcement della Sec denuncia la manipolazione del mercato e altre violazioni delle leggi sui titoli.

“Kane e Hydrogen hanno assunto Moonwalkers, un’azienda con sede in Sud Africa, nell’ottobre 2018, per creare la falsa apparenza di una solida attività di mercato per Hydro attraverso l’uso del suo software di trading personalizzato o “bot” e quindi vendere Hydro in quel mercato gonfiato artificialmente a scopo di lucro per conto di Hydrogen”, secondo una dichiarazione.

Ostern ha già acconsentito a una sentenza, soggetta all’approvazione del tribunale, con sanzioni pecuniarie civili da decidere in seguito, ha affermato la Sec.

A differenza del caso di XRP, il token Hydro non è stato venduto tramite una campagna di raccolta fondi simile a Ico, ma è stato inviato in onda a una selezione di utenti, indicando che l’interesse della Sec nel dichiarare i titoli delle criptovalute non è limitato dal metodo di distribuzione dei token. Il co-fondatore di Hydrogen Matthew R. Kane, il cui fratello Michael è stato nominato nella causa Sec, intende avviare una causa. “Questa faccenda si trascina da molti anni e manca del tutto di merito. Attendiamo con impazienza la nostra opportunità di essere rivendicati dopo un contenzioso”, ha detto Matthew R. Kane.