Ripple e la Sec trovano un punto di incontro su XRP

20 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

La società blockchain Ripple Labs e la Sec (la Consob americana), vogliono che un giudice del tribunale federale si pronunci sulla causa di dicembre 2020, secondo cui l’azienda avrebba raccolto illegittimamente 1,3 miliardi di dollari.

In mozioni separate depositate il 17 settembre, entrambe le parti hanno chiesto un giudizio sommario per decidere se Ripple abbia violato le leggi federali sui titoli o per archiviare del tutto il caso. Le sentenze sommarie sono generalmente depositate quando una o tutte le parti ritengono che siano state fornite prove adeguate per stabilire una sentenza, senza la necessità di andare in giudizio.

I rappresentanti di Ripple e della Sec hanno chiesto al giudice, Analisa Torres, di giungere a una conclusione basata su prove documentali depositate in un database del tribunale il 13 settembre e su tutti i procedimenti precedenti nel caso.

Lo scontro tra Sec e Ripple

La Sec ha citato in giudizio Ripple e due dirigenti, il fondatore Christian Larsen e il ceo Brad Garlinghouse circa due anni fa, accusandoli di aver raccolto fondi tramite un’offerta illegale di titoli attraverso la vendita di token XRP.

A sua volta, Ripple ha contestato le accuse e ha affermato che XRP dovrebbe essere trattato come una valuta virtuale, non come una security. Ritiene che l’autorità di regolamentazione non abbia prove a sostegno della sua argomentazione e quindi non abbia controversie di fatto.

“Quando è stato chiesto tempo a dietro, la Sec ha rifiutato di identificare una base contrattuale per un’unica offerta e vendita di XRP. Pertanto, poiché la definizione di “contratto di investimento” del Securities Act richiede un contratto sottostante, la Sec non ha motivo per processarci”, ha scritto Ripple nella sua mozione.

Il consigliere generale di Ripple, Stuart Alderoty, ha scritto su Twitter che la Sec non è in grado di giustificare le sue affermazioni. “Dopo due anni di contenzioso, la Sec non è stata in grado di individuare alcun contratto di investimento (questo prevede lo statuto); e non può soddisfare un solo polo del test Howey della Corte Suprema. Tutto il resto è solo rumore”, ha scritto.

L’esito di questo caso segnerebbe un precedente significativo, in quanto aiuterebbe a determinare quali criptovalute possono essere definite titoli. Nel caso in cui la Sec vinca, XRP sarebbe considerato un titolo.

Ripple e XRP sono indipendenti

Ripple e XRP sono stati spesso confusi e anche le ricerche su Google per “XRP” normalmente restituiscono Ripple come risultato.

In realtà, Ripple è una società di software indipendente da XRP, che a sua volta esiste anche senza Ripple. Ripple non emette né supervisiona il token XRP. Il capo stratega di mercato dell’azienda, Cory Johnson, ha sottolineato in un vertice di Yahoo Finance nel 2018 di essere frustrato dal fatto che le persone non sono in grado di distinguere tra i due. “Voglio dire, nessuno chiama petrolio Exxon Mobil. Exxon Mobil ha un interesse acquisito nel vedere che il petrolio ha successo, ma ciò non significa che sia la stessa cosa”, ha detto.

La chiave del caso del governo è il fatto che XRP non si trova in natura, ma i suoi 100 miliardi di token sono stati piuttosto creati da Ripple Labs, attraverso quello che è noto come pre-mine. Il cofondatore, l’ex ceo e presidente esecutivo, Chris Larsen, il cofondatore Jed McCaleb e l’attuale ceo Brad Garlinghouse hanno tutti ricevuto miliardi di token XRP e la stessa Ripple Labs detiene circa 45 miliardi di XRP in deposito a garanzia.

I difensori di Ripple hanno spesso cercato di tracciare parallelismi con Ethereum, che alcuni membri della Sec hanno suggerito non sia un titolo. Non è ancora chiaro cosa costituisca “decentramento sufficiente” per modificare la designazione dell’agenzia. Per fare un confronto, XRP ha attualmente 138 validatori, rispetto al conteggio post-Merge di Ethereum di circa 430 mila.