Ripple: ai massimi da tre anni, causa contro la Sec volge a favore

13 Aprile 2021, di Alberto Battaglia

La criptovaluta Ripple (XRP) ha raggiunto la valutazione massima degli ultimi tre anni in seguito alla presentazione delle istanze per l’archiviazione della la causa in corso fra la società e la Sec americana. XRP sta guadagnando oltre il 30% intorno alle 18 e 20 del 13 aprile, a quota 1,80 dollari. La performance di Ripple è dunque schizzata al +684,16% da inizio anno, un risultato ancor più eclatante rispetto a quello messo a segno dal Bitcoin (+116,88% secondo la piattaforma CoinDesk).
Grazie al spinta delle ultime ore, Ripple ha conquistato il quarto posto fra le criptovalute per capitalizzazione di mercato.

Ripple: la controversia con la Sec

La sfida fra Ripple e la Securities and Exchange Commission americana era iniziata lo scorso dicembre, quando la società era stata accusata di aver ceduto 1,3 miliardi di dollari in titoli classificabili come securities non registrate e non come criptovalute (o più precisamente, utility token, abbiamo spiegato le differenze in questo articolo). La notizia aveva innescato un brusco crollo nei valori di XRP, che come tutte le altre criptovalute aveva visto un massiccio rally nella seconda parte del 2020. La moneta era stata anche sospesa dagli scambi in vari exchange.

La prima svolta importante nella causa legale in corso fra Ripple Labs e la Sec arriva il 6 aprile, quando i legali della fintech hanno visto riconosciuta la richiesta di poter consultare le discussioni interne dell’Authority su Ethereum e Bitcoin, dalle quali dovrebbe emergere la piena somiglianza fra Ripple e le altre criptovalute.

Venerdì scorso, poi, il giudice Sarah Netburn ha depositato un documento nel quale è stato negato l’esame dei record finanziari degli anni appartenenti ai dirigenti di Ripple, richiesto dalla Sec. “La SEC ritirerà le sue richieste di produzione di documenti finanziari personali riferiti ai singoli imputati”, ha scritto Netburn. L’indiscrezione, trapelata oggi, ha messo le ali a XRP. L’aspettativa che si delinea nella mente dei trader è chiara: le chance che la Sec possa vincere la causa contro Ripple si fanno sempre più basse.