H-Farm, come cambia l’incubatore di startup ora che va in Borsa

26 Ottobre 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – A pochi giorni dal debutto in Borssa, H-Farm, l’acceleratore veneto di imprese innovative, ha annunciato un ambizioso piano quinquennale di crescita.

Secondo quanto riporta un articolo della Stampa, il processo ha già avuto inizio con un cambio di nome, H-Farm.com, e con la creazione di un nuovo team gestionale. Il piano è quello di fare un passo in avanti facendo leva su crescita, digitale e formazione grazie ai capitali che verranno raccolti con la quotazione: si cercano fra i 25 e i 30 milioni di euro.

Nel dettaglio, H-farm intende integrare il digitale nei sistemi di vendita e investire nella realizzazione di veri e propri campus per la formazione digitale di bambini e ragazzi, per avvicinare i futuri innovatori al mondo delle nuove tecnologie.

“Avremmo potuto anche evitare di quotarci, i nostri soci ci avrebbero sostenuti comunque – ha detto Riccardo Donadon, che con Maurizio Rossi ha creato dieci anni fa l’azienda del trattorino rosso – ma abbiamo ritenuto che occorresse dare respiro e visibilità a temi che riteniamo fondamentali per il futuro dell’Italia e dei nostri giovani”, ha detto alla Stampa.

Fonte: La Stampa