Guerra Ucraina: gas è la chiave del conflitto, forniture a rischio in tutto il mondo

24 Febbraio 2022, di Alessandra Caparello

L‘invasione della Russia in Ucraina rappresenta una delle peggiori crisi di sicurezza in Europa negli ultimi decenni con implicazioni di vasta portata per l’economia globale, in particolare dato il ruolo della Russia come secondo produttore mondiale di gas naturale e una delle più grandi nazioni produttrici di petrolio del mondo.

L’attacco delle forze russe all’Ucraina sta inviando inevitabili onde d’urto anche sui mercati finanziari e aumentando al tempo stesso i timori sulle conseguenze per le forniture di gas in tutto il mondo.

Alla notizia dell’invasione, i prezzi del gas europei sono balzati all’insù, mentre i futures internazionali del Brent hanno superato i 100 dollari al barile per la prima volta dal 2014.

Il principale problema secondo gli analisti della società di consulenza Eurasia Group, come riporta l’emittente Cnbc, è che “il gas che transita in Ucraina sarà probabilmente interrotto, influenzando le forniture a diversi paesi dell’Europa centrale e orientale, e aumentando i prezzi del gas in Europa”.

Gli Stati Uniti, il Canada, la Gran Bretagna, l’Unione europea, l’Australia e il Giappone sono stati tra i paesi che hanno annunciato la prima ondata di sanzioni contro la Russia all’inizio di questa settimana, prendendo di mira banche e persone ricche. Una seconda raffica di sanzioni è prevista a breve come confermato anche dal premier Mario Draghi. La Germania ha fermato il progetto di gasdotto molto controverso conosciuto come Nord Stream 2.

Cosa succede se la Russia chiude i rubinetti del gas?

Per diversi mesi, il Cremlino è stato accusato di interrompere intenzionalmente le forniture di gas per far leva sul suo ruolo di importante fornitore di energia per l’Europa, in un’escalation di dispute con l’Ucraina.

In effetti, la conferma del pensiero di Putin è arrivata dopo che l’Agenzia Internazionale dell’Energia ha invitato la Russia ad aumentare la disponibilità di gas per l’Europa e a garantire che i livelli di stoccaggio siano riempiti adeguatamente durante un periodo di elevata domanda come quello invernale.

Il Cremlino ha ripetutamente contestato le affermazioni secondo cui sta usando il gas come un’arma geopolitica, con Gazprom di proprietà statale che dice di aver adempiuto ai suoi obblighi contrattuali verso i clienti. Ma ora gli analisti dell’energia sono profondamente preoccupati per il rischio di un’interruzione delle forniture all’UE – che riceve circa il 40% del suo gas attraverso i gasdotti russi, molti dei quali passano attraverso l’Ucraina. Come scrive la Cnbc, se la Russia tagliasse le sue forniture di gas, ci sarebbero probabilmente profonde conseguenze economiche e di salute pubblica, in particolare perché un tale scenario potrebbe verificarsi durante l’inverno e nel mezzo della pandemia di coronavirus. Come sottolinea Kateryna Filippenko di Wood Mackenzie:

Se tutto il gas russo venisse tagliato, l’Europa non avrebbe alcuna possibilità di farcela. Se tutti i flussi di gas si fermassero oggi, l’Europa potrebbe cavarsela a breve termine, date le maggiori scorte di stoccaggio e la bassa domanda estiva”. “Ma nel caso di un’interruzione prolungata, le scorte di gas non potrebbero essere ricostruite durante l’estate. Ci troveremmo di fronte a una situazione catastrofica di stoccaggio di gas vicino allo zero per il prossimo inverno. I prezzi sarebbero alle stelle. Le industrie dovrebbero chiudere. L’inflazione sarebbe a spirale. La crisi energetica europea potrebbe benissimo innescare una recessione globale”.

Della stessa opinione Troy Vincent, analista di mercato senior del ricercatore DTN Markets, secondo cui “non ci sono alternative” ai volumi russi di petrolio e gas “che non comportino prezzi molto più alti e potenzialmente lo sviluppo di gravi carenze”.

“Con questo in mente, è chiaro capire che le sanzioni alle esportazioni energetiche russe sia verso l’Europa che verso il resto del mondo significherebbe la distruzione reciproca della crescita economica e dei bilanci governativi”.

Secondo Vincent inoltre la Cina è probabilmente l’unica grande nazione a livello globale che potrebbe beneficiare di tali sanzioni, poiché probabilmente assorbirebbe sempre più i volumi russi venuti meno”.

Infine Stewart Glickman, analista di azioni energetiche presso CFRA, crede che le sanzioni alla Russia avrebbero “conseguenze abbastanza significative” per i mercati dell’energia.

“Tagliare il rubinetto, secondo noi, causerebbe dolore in tutte le direzioni, sia alla Russia, dato che il suo bilancio nazionale è abbastanza dipendente dalle esportazioni di materie prime, sia agli acquirenti”.