Guerra banche contro i contanti: Citi trova alleata in JP Morgan

24 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK – La guerra contro i contanti è ormai un dato di fatto e probabilmente decreterà un punto di non ritorno nella storia della moneta. Dopo
Citigroup a lanciarla è Chase, la banca numero uno degli Stati Uniti, controllata dal colosso JP Morgan Chase. A riportare la notizia è un articolo Mises, che sottolinea come la distruzione del cash sia già un obiettivo di diversi governi e organizzazioni internazionali di tutto il mondo.

La strategia ovviamente è tesa a sottrarre potere ai correntisti. Che possono – o potevano – a seconda dei casi e delle nazioni più o meno esenti dai controlli di capitali – ritirare il loro denaro in qualsiasi momento e per un qualsiasi ammontare, “mettendo in ginocchio anche la più grande banca, nell’arco di una notte (come accadde a Washington Mutual).

Impedire con ogni mezzo la corsa agli sportelli in tempi di crisi e di incertezza è la priorità numero uno degli istituti di credito globali. Ecco dunque Chase, che sforna nuove regole, tra l’altro con poco preavviso, per limitare l’uso del contante. Le nuove disposizioni limitano i clienti nel pagare in contanti per onorare i debiti legati alle loro carte di credito, mutui, prestiti per l’acquisto di automobili.

In una lettera ai suoi clienti scritta il 1° aprile, si legge anche: “Voi acconsentite a non conservare alcun cash o monete a parte quelle che abbiano un valore che possa essere riscosso”. Chase ha di conseguenza proibito ai propri clienti di conservare cash nelle sue cassette di sicurezza. (Lna)

LEGGI ANCHE

Citigroup propone di abolire i contanti

Potete dire addio ai contanti

Manovra: stop contanti per gli affitti

Contanti: lo zelo sospetto delle banche

“Depositi bancari e contanti non più sicuri”

Vogliono far sparire i contanti?

Fonte:Mises Institute