Grecia mette all’asta le case pignorate, scoppiano scontri

30 Novembre 2017, di Alessandra Caparello

ATENE (WSI) – E’ diventato uno scontro tra componenti del partito al governo Syriza ed ex ministri fuoriusciti quello avvenuto in tribunale ad Atene durante la prima giornata della vendita all’asta della case dei greci morosi nei confronti delle banche.

Condizione chiave del terzo piano di salvataggio internazionale della Grecia, le aste di pignoramento sono state ripetutamente interrotte dagli attivisti di sinistra che avrebbero fatto irruzione nell’aula del tribunale ateniese per fermare quelli che reputano provvedimenti ingiusti che prendono di mira soprattutto le categorie sociali più povere.

Tra i manifestanti anche Panagiotis Lafazanis, ex ministro nel primo governo Tsipras e oggi il capo del Partito di Unione popolare, insieme a membri del sindacato Pame, legato al Partito comunista greco Kke. La polizia è dovuta intervenire in tenuta antisommosa anche usando lacrimogeni e alcune persone sono rimaste ferite negli scontri.

Due anni fa quando era salito al governo il primo ministro Alexis Tsipras aveva promesso di proteggere le prime case dal pignoramento ma la Troika per salvare il paese dalla grave recessione impose le sue misure di austerity tra cui rimettere gli immobili posti a garanzia del mutuo, anche la prima casa, nel mercato immobiliare nel più breve tempo possibile. Con la firma di un un nuovo piano di salvataggio Atene non riuscita a mantenere la sue promesse e proteggere le prime abitazioni delle persone. La recessione ha investito il paese provocata proprio dalle misure di austerity che hanno tagliato i posti di lavoro e bloccato gli investimenti delle imprese.

Oggi il governo greco auspica di iniziare i colloqui con i creditori per l’uscita dal piano di salvataggio del prossimo anno e su un’ulteriore riduzione del debito che viaggia al 180% del Pil.