Google taglia 12 mila posti di lavoro. Tutti i licenziamenti delle big tech

20 Gennaio 2023, di Alessandra Caparello

Terremoto in casa Google. Il motore di ricerca ha dichiarato che licenzierà 12.000 persone, aggiungendosi alla sfilza di grandi aziende tecnologiche statunitensi che tagliano posti di lavoro mentre aumentano i timori di una recessione imminente.

Sundar Pichai, amministratore delegato di Google, ha scritto in un’e-mail inviata al personale che l’azienda inizierà a licenziare immediatamente negli Stati Uniti. In altri Paesi, il processo “richiederà più tempo a causa delle leggi e delle pratiche locali”, ha dichiarato. Il gigante della ricerca sul web e della condivisione di video offrirà ai dipendenti statunitensi 16 settimane di indennità di licenziamento più due settimane per ogni anno in più di lavoro presso Google, ha aggiunto Pichai. Ecco alcuni stralci della mail che Pichai ha inviato al personale.

“Googlers, ho una notizia difficile da condividere. Abbiamo deciso di ridurre la nostra forza lavoro di circa 12.000 unità […] Questo significherà dire addio ad alcune persone di incredibile talento che abbiamo assunto con fatica e con cui abbiamo amato lavorare. Sono profondamente dispiaciuto per questo. Il fatto che questi cambiamenti avranno un impatto sulla vita dei Googler mi pesa molto e mi assumo la piena responsabilità delle decisioni che ci hanno portato a questo punto.

Negli ultimi due anni abbiamo assistito a periodi di crescita drammatica. Per soddisfare e alimentare questa crescita, abbiamo assunto una realtà economica diversa da quella attuale. Sono fiducioso dell’enorme opportunità che abbiamo di fronte grazie alla forza della nostra missione, al valore dei nostri prodotti e servizi e ai nostri primi investimenti nell’IA. Per coglierla appieno, dovremo fare scelte difficili. Abbiamo quindi intrapreso una revisione rigorosa delle aree di prodotto e delle funzioni per garantire che il nostro personale e i nostri ruoli siano allineati con le nostre priorità più importanti come azienda. I ruoli che stiamo eliminando riflettono il risultato di questa revisione. Sono trasversali ad Alphabet, alle aree di prodotto, alle funzioni, ai livelli e alle regioni.

Ai Googler che ci stanno lasciando: grazie per aver lavorato così duramente per aiutare le persone e le aziende di tutto il mondo. Il vostro contributo è stato inestimabile e ve ne siamo grati. Anche se questa transizione non sarà facile, sosterremo i dipendenti nella ricerca della loro prossima opportunità […] Come azienda di quasi 25 anni, siamo destinati ad attraversare cicli economici difficili. Si tratta di momenti importanti per affinare la nostra attenzione, riorganizzare la nostra base di costi e indirizzare il nostro talento e il nostro capitale verso le nostre priorità più alte.

Essere limitati su alcune aree ci permette di puntare forte su altre. L’aver orientato l’azienda verso l’AI anni fa ha portato a progressi rivoluzionari in tutte le nostre attività e nell’intero settore. Grazie a questi primi investimenti, i prodotti di Google sono migliori che mai. E ci stiamo preparando a condividere alcune esperienze completamente nuove per gli utenti, gli sviluppatori e le aziende. Abbiamo davanti a noi un’opportunità sostanziale con l’intelligenza artificiale nei nostri prodotti e siamo pronti ad affrontarla con coraggio e responsabilità”.

Non solo Google: le altre big tech che stanno licenziando

Google è solo l’ultima big tech in ordine temporale che ha preso la difficile decisione di licenziare parte della sua forza lavoro.

Le aziende tecnologiche stanno affrontando una serie di sfide importanti, non ultimo l’aumento dei tassi di interesse e dell’inflazione nell’ultimo anno, che hanno colpito le azioni tecnologiche e costretto gli inserzionisti a ridurre la spesa pubblicitaria online.

L’aumento dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve statunitense, in particolare, ha fatto diminuire l’appetito per le azioni tecnologiche americane. Il cupo clima macroeconomico ha a sua volta esercitato pressioni su queste aziende affinché effettuassero profondi tagli al personale.

Meta (Facebook), pochi mesi fa, ha attuato la sua prima grande riduzione di personale nella storia dell’azienda, che ha coinvolto oltre 11 mila dipendenti. Un depresso Zuckerberg si è dichiarato l’unico responsabile dei passi falsi dell’azienda e che il suo eccessivo ottimismo sulla crescita ha portato a un eccesso di personale.

La scorsa settimana Amazon ha avviato una nuova ondata di tagli di posti di lavoro per oltre 18.000 persone, un numero maggiore rispetto a quello che il colosso di Seattle aveva inizialmente annunciato l’anno scorso.

Lo stesso giorno, Microsoft ha annunciato l’intenzione di licenziare 10.000 lavoratori.

Anche Twitter, sotto la guida di Elon Musk, ha effettuato licenziamenti, tagliando oltre la metà dell’organico dell’azienda da quando ha assunto la carica di ceo alla fine dello scorso anno.

SOCIETA’ TECNOLOGICA LICENZIAMENTI
Amazon 18.000+
Google 12.000
Meta 11.000+
Microsoft 10.000+
Twitter oltre metà personale