Draghi: apre a taglio tassi e ripresa QE, euro sbanda

18 Giugno 2019, di Mariangela Tessa

In un contesto economico caratterizzato da crescenti pressioni al ribasso, Mario Draghi apre le porte ad un nuovo taglio dei tassi e una ripresa del QE.  “Guardando in prospettiva, i rischi per l’outlook rimangono orientati al ribasso e gli indicatori per i prossimi trimestri puntano a una debolezza persistente” ha  detto il presidente della Bce nel suo discorso introduttivo al Forum Bce on Central Banking a Sintra.

“I rischi che sono stati prominenti per tutto l’ultimo anno – ha aggiunto Draghi – in particolare i fattori geopolitici, la crescente minaccia del protezionismo e le vulnerabilità dei mercati emergenti non sono scomparsi e continuano a pesare in particolare sul settore manifatturiero. In assenza di miglioramenti, tali che il ritorno sostenuto dell’inflazione verso il nostro obiettivo sia messo a rischio – ha detto Draghi – sarà necessario ricorrere a ulteriori stimoli”.

Parole che hanno subito avuto effetti sul mercato valutario. L’euro, che prima del discorso si attestava a 1,1242 dollari (da 1,122 dollari ieri in chiusura), è scivolato sotto quota 1,12 dollari ed è scambiato a 1,119 dollari. La moneta unica vale inoltre 121,242 yen, contro i 121,6 yen dell’apertura e i 122 della chiusura di ieri, mentre il dollaro-yen e’ pari a 108,322, contro i 108,23 dell’avvio e i 108,64 di ieri.

“Nelle prossime settimane – ha aggiunto Draghi – il Consiglio direttivo delibereràin che modo i nostri strumenti possono essere adattati alla severità del rischio alla stabilità dei prezzi. Manteniamo la capacità di rafforzare la nostra forward guidance modificando il suo bias e la sua condizionalità per tener conto delle variazioni negli aggiustamenti del percorso di inflazione”.

Questo si applica, ha detto, a tutti gli strumenti di politica monetaria.

“Ulteriori tagli dei tassi di interesse e misure per mitigare eventuali effetti negativi rimangono parte dei nostri strumenti e il programma di acquisto di bond ha ancora considerevole spazio a disposizione”.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 18 Giugno 201918:33

Chiusura positiva per le principali borse europee della seduta di oggi. L’indice EuroStoxx 50 chiude in positivo con un rialzo del 2,06%. Molto bene in generale i titoli del paniere, i migliori risultano Engie, Kering, Adidas, Schneider, Fresenius, Bayer, Safran, EssilorLuxottica, Daimler, Sanofi, Enel e Amadeus

Daniele Chicca 18 Giugno 201918:33

In chiusura dei mercati europei il cambio Eur/Usd quota 1,1201. Il Petrolio Wti in calo a USD 53,95 al barile.

Daniele Chicca 18 Giugno 201918:34

Piazza Affari chiude la seduta di scambi in positivo, con il Ftse Mib che segna un rialzo dello 2,46%. In rialzo quasi tutti i titoli del listino tra cui Atlantia, Hera, Italgas, Leonardo, STM, Ferragamo, Tenaris, Amplifon, Enel, Exor, Prysmian, Saipem, Snam e Terna

Daniele Chicca 18 Giugno 201918:34

Lo spread tra Btp e Bund decennali si attesta a 243 punti base, con il tasso del decennale è in area 2,06%