Crisi Ucraina, Russia verso il ritiro? Leader politici e Nato sono cauti

16 Febbraio 2022, di Alessandra Caparello

Potrebbe presto arrivare la tanto agognata tregua nella crisi in corso tra Russia e Ucraina visto l’annuncio di un ritiro delle truppe russe dalle zone di confine. La Russia ha annunciato la fine delle esercitazioni militari nella Crimea annessa a Mosca.

“Le unità del distretto militare meridionale, che hanno completato le esercitazioni tattiche nelle basi della penisola di Crimea e stanno tornando in treno alla loro base”, ha affermato il ministero della Difesa russo, citato dalle agenzie russe anche se il Cremlino non ha specificato l’entità o la tempistica di questo ritiro.

Crisi Ucraina: diplomazia cauta sul ritiro dei Russi

Ma la diplomazia mondiale manifesta cautela sul ritiro delle truppe russe e la fine della crisi in Ucraina. La Nato ha accusato la Russia di aver aumentato il numero di truppe che ha ammassato al confine ucraino, un giorno dopo che Mosca ha affermato di aver iniziato a ritirare alcune delle sue unità militari.

I leader occidentali hanno avvertito che devono ancora vedere le prove del ritiro, dopo che un portavoce del ministero della Difesa russo ha annunciato ieri che alcune unità, avendo completato le esercitazioni militari vicino al confine, erano già in movimento. Il governo russo ha rilasciato un filmato mercoledì in cui mostra unità militari che tornavano ai loro schieramenti permanenti dopo aver completato le esercitazioni. Ma nessuno è in grado di dire che si tratti di un filmato autentico. Funzionari russi hanno anche annunciato che le truppe impegnate in esercitazioni militari in Bielorussia, a nord dell’Ucraina, sarebbero  tornate alle loro basi permanenti il 20 febbraio. Tuttavia, i leader occidentali hanno messo in dubbio le affermazioni della Russia.

I ministri della difesa della NATO si incontrano oggi a Bruxelles per discutere quello che l’alleanza militare ha chiamato “la più grave crisi di sicurezza che abbiamo affrontato in Europa per decenni”. Parlando ai giornalisti prima della riunione di mercoledì, il capo della NATO Jens Stoltenberg ha detto che “resta da vedere se c’è un ritiro russo”.

“Finora, non abbiamo visto alcuna de-escalation sul territorio. Al contrario, sembra che la Russia continui il suo aumento militare”, ha detto Stoltenberg aggiungendo che la Russia ha “sempre spostato le forze avanti e indietro”, quindi i filmati che mostrano il movimento di forze e carri armati “non confermano un vero ritiro”.

Il Cremlino ha detto che la NATO ha “sbagliato” a dire che non ci sono prove del ritiro russo dal confine, come ha riferito Reuters, aggiungendo che il presidente Vladimir Putin ha il desiderio di negoziare diplomaticamente.

Nel frattempo, il primo ministro britannico Boris Johnson ha detto a Sky News che “le informazioni che stiamo vedendo oggi non sono ancora incoraggianti”.

“Abbiamo ospedali da campo russi in costruzione vicino al confine con l’Ucraina in Bielorussia, che possono essere interpretati solo come preparazione per un’invasione”, ha detto Johnson. Anche per il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non c’è alcuna conferma che la Russia abbia ritirato alcune delle sue unità militari dal confine ucraino.

“Non abbiamo ancora verificato che le unità militari russe stiano tornando alle loro basi. Infatti, i nostri analisti indicano che rimangono molto in una posizione minacciosa”, ha detto in un discorso alla Casa Bianca.

In sostanza da una parte la Russia sostiene di essersi ritirata dal confine con l’Ucraina, dall’altra gli Stati Uniti dicono che un’invasione è ancora possibile, sottolineando che qualsiasi uso della forza da parte di Mosca porterebbe a “incredibili sofferenze umane” ed esortando così la Russia a scegliere un percorso diplomatico per risolvere la questione.

Mosca ha ripetutamente insistito che non ha intenzione di invadere l’Ucraina, nonostante gli avvertimenti dei paesi occidentali negli ultimi giorni di un‘invasione imminente.

Cosa vuole Putin dalla Nato

La Russia chiede che all’Ucraina non sia mai permesso di diventare un membro della Nato, e ha detto che vuole che l’organizzazione riduca la sua presenza nell’Europa orientale. Dal 2002, l’Ucraina ha cercato di entrare nella Nato, l’alleanza militare più potente del mondo.

In realtà la situazione al confine dell’Ucraina è parte di una questione più ampia e a lungo termine. Mosca ha annesso la Crimea, una penisola nel sud dell’Ucraina, nel 2014, e circa 13.000 persone nella regione orientale del Donbas sono morte in un conflitto in corso tra le forze governative e i separatisti filorussi.