Criptovalute, l’Europa è la più grande criptoeconomia al mondo

6 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

L’Europa centrale, settentrionale e occidentale (CNWE) è ancora una volta la più grande criptoeconomia del mondo. Gli utenti e le istituzioni di tutta l’area hanno ricevuto 1,3 trilioni di dollari di criptovalute da luglio 2021 a giugno 2022. L’Europa occidentale da sola contiene sei dei 40 maggiori utilizzatori di criptovalute: Regno Unito (17), Germania (21), Francia (32), Spagna (34), Portogallo (38) e Paesi Bassi (39). La finanza decentralizzata (DeFi) ha guidato un’enorme fetta di questa attività, grazie a normative UE come la crypto travel rule e il regime di licenze MiCA che hanno fornito una maggiore chiarezza normativa.

Nella maggior parte dei dieci maggiori mercati delle criptovalute in CNWE, l’attività on-chain è cresciuta a un tasso dell’130% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, si sono distinti due mercati anomali: la Germania, la cui attività è cresciuta del 47%, e i Paesi Bassi, la cui attività si è ridotta del 3%.

Fonte: Chainanalysis

La crescita eccessiva della Germania è stata probabilmente il risultato di due recenti decisioni: l’applicazione di un’imposta sui guadagni di capitale a lungo termine pari allo 0% e la possibilità per molti tipi diversi di gestori patrimoniali di investire in criptovalute.

I dati di Chainalysis suggeriscono che queste azioni hanno avuto l’effetto di incoraggiare l’adozione sia al dettaglio che istituzionale. I regolatori olandesi, invece, hanno assunto un tono più cauto. Nei Paesi più piccoli della CNWE, i cambiamenti nell’attività on-chain sono stati molto più vari. Sono agli antipodi l’Estonia, la cui attività è balzata del 76%, e Malta, la cui attività si è dimezzata nel periodo di tempo studiato.

Da luglio 2021 a giugno 2022 Malta ha dovuto affrontare una maggiore concorrenza, in quanto Paesi come le Bahamas e le Bermuda e giurisdizioni come Abu Dhabi e Dubai hanno intensificato gli sforzi per attirare le startup di criptovalute nella loro regione. Tuttavia, l’isola della blockchain vanta ancora uno dei quadri normativi più completi al mondo. L’Estonia, nel frattempo, ha visto un rapido successo nella sua ambizione di diventare un hub crittografico dell’Europa centrale e nel maggio 2022 ha rivolto la sua attenzione alla riduzione dei rischi di riciclaggio di denaro, ransomware e contagio del mercato.

Il Regno Unito è il maggiore distretto europeo di criptovalute e DeFi

Quest’anno il Regno Unito si è classificato al 17° posto nel Global Crypto Adoption Index, rispetto al 21° dell’anno precedente. In termini di volume di transazioni grezze, il Regno Unito è il 1° in CNWE e il 6° a livello mondiale, con 233 miliardi di dollari in criptovalute ricevuti da luglio 2021 a giugno 2022.

Gran parte di questa attività era legata alla DeFi. Quasi il 20% del traffico web verso i siti web legati agli NFT e ai contratti di prestito in tutta la CNWE proveniva quest’anno in particolare dal Regno Unito. Il mercato delle criptovalute del Regno Unito è stato anche unico nel suo genere, in quanto è stato l’unico Paese dell’Europa occidentale tra i primi cinque a crescere da luglio 2021 a giugno 2022 in termini di transazioni on-chain che i suoi cittadini hanno effettuato in ogni trimestre.

Ciò suggerisce che i tassi di adozione delle criptovalute sono stati più resistenti nel Regno Unito che altrove nei mercati CNWE.

“Mi piace pensare che sia perché abbiamo cercato di dare certezza alla regolamentazione e alla tassazione delle criptovalute nel Regno Unito”, ha dichiarato Dion Seymour, direttore tecnico per le criptovalute e gli asset digitali presso Andersen LLP ed ex consulente politico presso l’HMRC, l’autorità fiscale del Regno Unito. “Nessuno vuole che le criptovalute siano tassate, ma se c’è incertezza su come saranno tassate, anche questo può causare problemi”.

Un’altra importante barriera all’adozione delle criptovalute per Seymour è che il Regno Unito stia continuando ad abbattere l’insufficiente protezione dei consumatori: “La protezione dei consumatori deve essere assolutamente presa in considerazione se vogliamo che la DeFi diventi popolare. Quest’anno continueremo a vedere molte discussioni sul tema tra i politici, la Banca Mondiale, il World Economic Forum, l’OCSE, l’HMT, la FCA e ovviamente l’HMRC”.