Coronavirus. Giacomoni: “sospendere tutti i listini europei”

8 Marzo 2020, di Redazione Wall Street Italia

Sestino Giacomoni, membro del Coordinamento di presidenza di Forza Italia e Vicepresidente della commissione Finanze della Camera, in una nota fatta pervenire alla stampa ha dichiarato che:

“Il rischio che all’apertura dei mercati la speculazione la faccia da padrone c’è tutto, ma dobbiamo essere anche consapevoli del segnale negativo che daremo agli investitori se a chiudere fosse solo la Borsa italiana. La vera cosa da fare oggi stesso sarebbe quella di condividere con l’Europa la chiusura di tutti i listini europei per un tempo limitato e necessario per prendere i provvedimenti per ridurre la volatilità e la speculazione. In condizioni di normalità, la speculazione è fisiologica, ma in condizioni come quella attuale, la speculazione, ossia le vendite allo scoperto, il prestito titoli, i programme-trading, alimentano volatilità e incertezza. Volatilità e incertezza che alimentano a loro volta il panico e i comportamenti irrazionali. Il panico determina la caduta dei consumi e compromette ulteriormente il sistema economico”.

Insomma si moltiplicano gli appelli per evitare che alla riapertura dei mercati ci si possa trovare di fronte ad un crollo del valore degli indici e soprattutto al crollo di alcuni titoli e di alcuni settori in particolari. Il mercato italiano potrebbe essere preso di mira dalla speculazione anche peer quanto riguarda il rendimento dei titoli di stato.

Era stato Diego Della Valle, nei giorni scorsi, https://www.finanzaonline.com/notizie/coronavirus-diego-della-valle-tods-aziende-hanno-perso-fortune-perche-non-si-e-pensato-di-chiudere-le-borse

in un articolo pubblicato da Finanza Online https://www.finanzaonline.com/  a chiedere di non mostrare il fianco alla speculazione mantenendo i mercati aperti.

Ma stando alle nostre fonti Borsa Italiana, così come tutti gli altri listini, dovrebbero riaprire regolarmente.

Staremo a vedere.