La fine dei bazooka monetari: Carney e Draghi verso la via d’uscita

28 Giugno 2017, di Daniele Chicca

Le banche centrali si apprestano a fare marcia indietro dopo anni di misure monetarie espansive. Lo si è appreso al super panel di invitati al forum della politica monetaria di Sintra, in Portogallo, durante il quale hanno parlato Mark Carney della Banca d’Inghilterra, Mario Draghi della Bce, Kuroda della Banca del Giappone e Polotz della Banca nazionale del Canada.

L’intento del panel di banchieri centrali era quello di spiegare ai mercati e alla gente il significato delle loro politiche. Le parole di Carney, il quale ha detto che sarà presto il momento di ritirare le manovre di stimolo nonostante la ripresa degli investimenti sia la più debole dell’ultimo mezzo secolo, stanno già avendo un impatto sui mercati.

Oltre al governatore della Banca inglese, che ha annunciato che alcune manovre di stimolo monetario saranno rimosse – spingendo al rialzo la sterlina e i rendimenti dei Bond decennali britannici – ha preso la parola il numero uno della Bce. Il suo discorso si è incentrato sui miglioramenti possibili nel mercato del lavoro. Draghi ha detto di essere “relativamente” fiducioso su una ripresa della produttività.

Tutti e quattro i banchieri presenti hanno imposto tassi di interesse intorno allo zero e politiche monetarie accomodanti per stimolare la crescita economica e surriscaldare l’inflazione dopo la crisi finanziaria più grave dai tempi della Grande Depressione. Nel Regno Unito il costo del denaro è allo 0,25%, mentre in Canada è allo 0,5%. In Eurozona è ancora allo zero, mentre in Giappone è del -0,1%. Tra i grandi paesi industrializzati sono la Banca nazionale svizzera ha una politica più accomodante (-0,75%), volta a indebolire il franco.

Sui mercati valutari la sterlina ha fatto un bel balzo, di più di mezzo centesimo sul dollaro, attestandosi a $1,2915 dollari dopo che la Banca ha pubblicato i commenti che Carney avrebbe pronunciato sul palco del Forum portoghese. “Quando il direttorio si è riunito questo mese, la mia idea era che – alla luce dei dati macro su spese al consumo e investimenti aziendali – era ancora troppo presto per giudicare con certezza quanto persistente e ampio sarebbe stato il rallentamento della crescita.

“Con le pressioni inflative, in particolare sul fronte dei salari e dei costi di unità lavorativa, ancora basse, abbiamo giudicato appropriato lasciare invariata la nostra strategia politica monetaria”. Tre membri – contro otto – si sono tuttavia espressi contro un mantenimento dello status quo e avrebbero invece preferito imporre una stretta monetaria.

“Alcune misure di stimolo monetario saranno probabilmente rimosse”, ha spiegato Carney, in una decisione che si renderà presto necessaria. “Dipenderà da quanto la crescita fiacca dei consumi sarà controbilanciata da altre componenti della domanda, tra cui gli investimenti societari. Come l’economia reagisce alle condizioni finanziarie più ufficiali e all’andamento dei negoziati sulla Brexit. Sono i problemi che il direttorio affronterà nei prossimi mesi”.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 28 Giugno 201716:44

Il fatto che le banche centrali si preparino a fare marcia indietro e mettere in cantina i bazooka monetari sta avendo un impatto sui mercati obbligazionari. Il rendimento del Bond inglese sale.