Borse contrastate a livello geografico, Cina e hi-tech i rischi maggiori

30 Novembre 2017, di Daniele Chicca

Le speranze che la riforma fiscale Usa venga approvata hanno sospinto i listini delle Borse americane su nuovi record. e Borse di Cina e Corea del Sud scambiano in rosso, con l’indice KOSPI che sconta il brusco calo della produzione industriale e la prima stretta monetaria della banca centrale sudcoreana negli ultimi sei anni. Le Borse europee da parte loro fanno meglio, aiutate da dati invece complessivamente positivi come quelli sulla disoccupazione in Italia e in Germania. Piazza Affari, in particolare, è sostenuta dal buon andamento del settore bancario. Londra, appesantita dalle persistenti incertezze sulla Brexit, fa più fatica.

Il programma di abbattimento parziale della leva finanziaria e di riduzione dei livelli di indebitamento societari in Cina, che si stima raggiungeranno i 22mila miliardi di dollari nel 2018, rappresenta un rischio enorme per i mercati finanziari, anche se il processo di transizione verrà gestito al meglio. Questo per via dell’impatto che un simile cambio di passo della seconda economia al mondo avrebbe sul resto del mondo.

La preoccupazione principale degli investitori, prima ancora del momento difficile che attraversa il settore hi-tech (vedi grafico e spiegazione sotto), non è che si scateni una serie di default, un balzo dei rendimenti obbligazionari, un tonfo delle Borse o eventuali turbolenze economiche. La solidità della struttura economica cinese e i poteri politici del presidente Xi Jinping – che è uscito rafforzato dall’ultimo Congresso del partito comunista cinese, rendono molto improbabile che queste cose accadano. Xi farà di tutto per evitare che l’economia si surriscaldi e gli sviluppi in Cina interessano tutti gli altri paesi da vicino.

Il pericolo maggiore, secondo lo strategist Garfield Reynolds, è che il programma di deleveraging e di stretta creditizia abbia successo ma che al contempo i mercati rimangano troppo ottimisti sulla capacità delle economie e dei mercati globali di fare i conti e superare anche con una frenata della seconda economia al mondo. “Gli investitori dovrebbero abituarsi all’idea che un rallentamento della Cina potrebbe essere deleterio” per il resto del globo.

Un segnale allarmante riguarda la maniera con cui, nonostante Pechino sia la locomotiva economica di tutta l’area asiatica, le Borse cinesi hanno fatto peggio di quelle di Hong Kong e degli altri indici principali asiatici. Significa che tutta la regione rischia di subire una fase di ribassi pesante, anche se la campagna di ‘de-indebitamento’ cinese non infligge colpi troppo duri alle Borse di Shanghai e Shenzhen.

Dopo i cali netti dei titoli FAANG in Usa (Facebook, Apple, Amazon, Netflix, Google), anche il settore tecnologico della regione Asia Pacifico ha accusato il colpo: Hong Kong oggi paga i ribassi ai minimi di un mese dei cosiddetti “TATS“. Taiwan Semi, Alibaba, Tecent e Samsung rappresentano il 16% della capitalizzazione di Borsa dell’indice MSCI dei mercati emergenti.

Lasciate qui commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli operativi, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti sulle Borse li trovate nel LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 30 Novembre 201716:32

La Nasdaq Inc, proprietaria dell’omonimo mercato, prevede il lancio di un contratto future basato sul Bitcoin nel 2018. Si tratterebbe del terzo operatore a lanciare un prodotto analogo basato sulla criptovaluta. Lo ha detto a Reuters una fonte a conoscenza dei fatti.

Prima di Nasdaq erano stati CME Group e CBOE a dichiarare che contratti derivati future sarebbero stati lanciati una volta ottenuto l’ok delle autorità di vigilanza. Questo annuncio ha alimentato la rincorsa del Bitcoin, che ha superato quota 11mila dollari nel giro di qualche ora dopo lo sfondamento dei 10mila. Da allora però la criptovaluta ha subito due flash crash in un giorno solo e al momento vale poco più di 9.000 dollari.

Daniele Chicca 30 Novembre 201717:47

Chiude in rialzo il Ftse Mib. In cima al listino Bper Banca guadagna oltre il 4%. Positive anche Campari, Unipolsai, Ubi Banca e Unipol. Chiudono in calo invece Ferrari, Saipem, Azimut, Exor e Buzzi Unicem.