Mercati tesi: settimana al cardiopalmo con Bce e Catalogna

23 Ottobre 2017, di Daniele Chicca

I mercati finanziari – favoriti la scorsa settimana dalle speranze di una riforma del fisco negli Stati Uniti – attraversano ora più una fase di studio. I trader sono consapevoli dei rischi di un effetto “taper tantrum” nella settimana della Bce e del pericolo che le tensioni in Catalogna sfocino in una crisi maggiore. I mercati, intimoriti da una serie di notizie societarie in primis dal profit warning del concessionario di auto inglese Pendragon e dalle difficoltà del settore retail, evidenziate dalle dimissioni del Ceo di Hudson’s Bay, si apprestano a vivere una settimana al cardiopalmo.

A Piazza Affari dopo la sentenza di Fitch sale l’attesa per una serie di trimestrali societarie tra cui Saipem, Luxottica e Italgas. L’agenzia di rating ha parlato di un’economia diversificata e ad alto valore aggiunto, oltre che a un’attività economica che sta riprendendo slancio. Detto questo i problemi sono i soliti: il debito pubblico resta gigantesco e le prospettive di crescita nel medio termine fragili. Lo spread tra Btp e Bund decennali apre a 159 punti base e il rendimento del Btp a 10 anni italiano scambia al 2,03%. In attesa della riunione di Mario Draghi l’euro si indebolisce sul Forex. In progresso i titoli di Telecom Italia dopo che il Cda del gruppo telecom venerdì ha approvato la creazione della joint venture con Canal+.

Lasciate qui commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli operativi, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti sulle Borse li trovate nel LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 23 Ottobre 201710:08

L’euro si indebolisce sul Forex. La moneta unica guarda inoltre con timori all’aggravarsi della crisi costituzionale in Catalogna. Il cambio euro dollaro scambia al momento in area $1,1762, in calo dagli 1,1785 dollari della chiusura di venerdì. Il dollaro/yen sale a 113,731 da 113,500. A Piazza Affari l’indice Ftse Mib sale di appena lo 0,01% a 22.349 quota punti in avvio.

Daniele Chicca 23 Ottobre 201712:54

La riunione della BCE di giovedì sarà l’evento più importante della settimana: si attendono maggiori dettagli sul futuro del piano di QE. Attualmente, il consensus prevede una riduzione degli acquisti a partire da gennaio a €30 mld mensili ma un allungamento del piano di 6/9 mesi. Mario Draghi dovrà tranquillizzare i mercati sostenendo che la politica monetaria resterà ancora accomodante (v. nessuna data finale precisa per il piano di QE, mantenimento della forward guidance sui tassi dopo la fine del QE, reinvestimento degli ammontari in scadenza).

Daniele Chicca 23 Ottobre 201712:54

La riunione della BCE di giovedì sarà l’evento più importante della settimana: si attendono maggiori dettagli sul futuro del piano di QE. Attualmente, ricordano gli analisti di Cassa Lombarda, il consensus prevede una riduzione degli acquisti a partire da gennaio a €30 mld mensili ma un allungamento del piano di 6/9 mesi. Mario Draghi dovrà tranquillizzare i mercati sostenendo che la politica monetaria resterà ancora accomodante (v. nessuna data finale precisa per il piano di QE, mantenimento della forward guidance sui tassi dopo la fine del QE, reinvestimento degli ammontari in scadenza).

Daniele Chicca 23 Ottobre 201712:54

In Usa il calendario macro prevede la prima stima del Pil del quarto trimestre (condizionato dagli uragani), i PMI per il mese di ottobre, gli ordini di beni durevoli, la fiducia dei consumatori e le vendite di case nuove. Entro il 3 novembre si dovrebbe conoscere la decisione di Donald Trump sul successore di Janet Yellen alla guida della Federal Reserve. Il mercato per il momento resta attento e scruta possibili cambi di direzione.

Daniele Chicca 23 Ottobre 201712:55

Restando in ambito macro economico, nel Regno Unito verrà pubblicato il Pil del terzo trimestre, mentre in Eurozona saranno importanti i dati PMI e l’IFO tedesco. In Giappone, la vittoria della coalizione di governo (2/3 della maggioranza) alle elezioni del fine settimana per la Camera bassa consolida la posizione del primo ministro Shinzo Abe, rimuovendo i rischi di cambiamenti nella politica monetaria espansiva.

Daniele Chicca 23 Ottobre 201713:27

La seduta di venerdì scorso a Wall Street è finita a livelli record, cosa che ha permesso agli indici di archiviare un’altra settimana in positivo (la sesta di fila per il DJIA e per l’S&P 500, la quarta consecutiva per il Nasdaq). A fare da traino nella seduta scorsa sono state rinnovate speranze per l’approvazione di una riforma fiscale, che sembra più vicina dopo che il Senato Usa ha approvato il budget federale per l’anno fiscale 2018. A parte alcuni casi negativi come General Electric, il cui titolo ha saputo comunque risollevarsi dopo pesanti perdite, la stagione delle trimestrali è incoraggiante. Il Dow Jones ha aggiunto lo 0,71%; l’S&P 500 ha guadagnato lo 0,51%. Il Nasdaq100 è salito dello 0,27%.

Daniele Chicca 23 Ottobre 201713:28

Cede oltre l’1% il titolo Fiat Chrysler dopo la notizia che la società è finita sotto indagine in Francia per sospetto ostacolo all’inchiesta su ‘Dieselgate’. Positive invece le azioni Generali (+0,39%), favorite dalla promozione di Jefferies. La banca d’affari ha alzato la raccomandazione sul titolo da ‘hold’ a ‘buy’, con prezzo obiettivo che passa da 16,8 a 17,7 euro.

Daniele Chicca 23 Ottobre 201713:29

Sul fronte obbligazionario nel mercato secondario il prezzo del Bund future con scadenza dicembre viaggi in rialzo di 2 tick a 161,46. Spread Btp Bund a 160 punti base con rendimento decennale italiano al 2,03%. Mercato tedesco e italiano si muovono quasi all’unisono dopo la seduta tutta in negativo di venerdì sul secondario italiano, la cui performance è risultata comunque molto meno pesante rispetto alla controparte tedesca dei Bund.

Daniele Chicca 23 Ottobre 201713:30

Gli analisti sono pessimisti sui conti di Saipem. Alla vigilia della pubblicazione dei conti, gli analisti di Banca Akros hanno commentato che i cali nel portafoglio ordini, che a fine giugno era pari a 11,7 miliardi rispetto ai 14,6 miliardi del settembre 2016, influenzeranno in negativo i conti. Nel terzo trimestre gli esperti prevedono un Ebitda di 257 milioni di euro, in calo del 15,3%, e un risultato operativo pari a 128 milioni, l’87,4% in meno di un anno fa.

Daniele Chicca 23 Ottobre 201713:30

Il titolo Tesla balza dell’1,9% nel premarket americano dopo aver ribadito che sono in corso colloqui con il governo municipale di Shanghai per la costruzione di uno stabilimento nella regione. Un accordo potrebbe arrivare entro fine anno.

Daniele Chicca 23 Ottobre 201715:54

L’avvio è contrastato a Wall Street con il Nasdaq che cede leggermente terreno al momento (-0,04%) mentre S&P 500 e Dow Jones sono marginalmente positivi ( +0,05% e +0,11%).

Daniele Chicca 23 Ottobre 201718:07

Chiude in rialzo Piazza Affari la prima seduta settimanale, in linea con le altre borse europee e guidata da STMicroelectronics e Italgas. Buon rialzo anche per Bper Banca oltre il 2%. Se da un lato la crisi catalana preoccupa i mercati, dall’altro l’ottimismo per i nuovi record negli Stati Uniti e in Giappone, dove Abe ha vinto le elezioni, ha dato fiducia agli investitori. Tra i peggiori oggi Saipem e A2A. Debole anche il titolo Mediaset.

Daniele Chicca 23 Ottobre 201718:07

In lieve progresso l’indice paneuropeo Eurostoxx50. Tonico il titolo Engie sull’indiscrezione che la società sarebbe in trattative per la possibile vendite della divisione gas naturale liquefatto a Total. In denaro anche Asml Holding e Crh. Male il comparto bancario, con BBVA, Deutsche Bank, Santander e SocGen in fondo al listino.