Bitcoin: chi sono le balene delle criptovalute, il ruolo nel mercato

9 Settembre 2021, di Mariangela Tessa

Che siano persone o istituzioni o piattaforme poco importa. Quando si parla di balene di Bitcoin, si fa riferimento ai i grandi detentori della critprovaluta. Le balene detengono abbastanza criptovaluta da avere il potenziale per manipolare le quotazioni.

In altre parole, i loro movimenti hanno impatti fuori misura sul mercato dei bitcoin, in grado di causare una maggiore volatilità, una diminuzione della liquidità o una combinazione di entrambi.

Le tre maggiori partecipazioni in bitcoin comprendono il 7,18% di tutti i bitcoin in circolazione e rappresentano un valore di circa $ 621 milioni a febbraio 2021.

Il ruolo delle balene nel mercato dei Bitcoin

I grandi possessori di bitcoin sono chiamati balene perché i loro movimenti disturbano le acque in cui nuotano i pesci più piccoli.  Il 20% superiore dei possessori di bitcoin ha più dell’80% del valore di bitcoin negli Stati Uniti dollari.

Secondo BitInfoCharts, solo tre portafogli bitcoin possedevano il 7,18% di tutti i bitcoin in circolazione nel primo trimestre del 2021 con un valore di circa 74 miliardi di dollari, e i primi 100 portafogli detenevano circa un terzo di tutti i bitcoin per un valore di 342 miliardi di dollari.

Come intuibile, le balene possono essere un problema per bitcoin perché la concentrazione della ricchezza può aumentare la volatilità dei prezzi.

Chi sono le balene più grandi

Dato che 100 portafogli possiedono il 32% di tutti i bitcoin, è possibile conoscere la loro identità? Sebbene l’investimento in bitcoin garantisca uno certo anonimato, in realtà si può risalire all’identità di alcune di queste balene.

Le più grandi balene bitcoin sono Satoshi Nakamoto, l’inventore del bitcoin, i gemelli Winklevoss, che devono la loro fortuna ad un maxi risarcimento ottenuto da Mark Zuckerberg all’epoca della causa legale che li vide contrapposti per la creazione di Facebook, e  venture capitalist come Tim Draper e Barry Silbert.

Tra le istituzioni se ne può citare una su tutte: Microstrategy. I primi acquisti di Bitcoin sono state rese note ad agosto 2020. Oggi ha nel suo portafoglio oltre 105.000 bitcoin, mentre la sussidiaria MacroStrategy LCC ha a sua volta 92.000 BTC. L’idea di Michael Saylor finora è stata vincente: fare di Bitcoin la riserva primaria dell’azienda.

Il ruolo delle balene nel mercato

Ma cosa succede quando le balene irrompono con tutto il loro peso nel mercato? Tecnicamente le balene possono manipolare il mercato. Se una balena decide di fare grandi acquisti di bitcoin, è possibile immaginare un rialzo delle quotazioni.

Al contrario, se decide di convertire i suoi BTC in denaro cash, si avrà un’ondata di vendite che porterà il prezzo del bitcoin al ribasso.

In definitiva, il loro ruolo non è affatto marginale. Soprattutto con il continuo ingresso degli investitori istituzionali, è probabile che le balene avranno un ruolo di primo piano, agendo anche come “squali”, approfittando dei ribassi per fare ulteriori acquisti ed incrementare le loro ricchezze.