Greta Thunberg: spontaneità o capolavoro di marketing?

Francesco Puppato