Apple Watch, difetto a sensore tattile: titolo a fondo

30 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Non sono stati gli alti livelli di domanda, bensì i difetti presenti in una delle componenti principali del prodotto, a costringere Apple a limitare il numero di modelli disponibili del suo nuovo orologio multimediale.

La società di Cupertino ha riconosciuto la presenza di una serie di problemi al suo Apple Watch, un orologio da polso dotato di touch screen che è stato da poco lanciato sul mercato. Il titolo ha accusato il colpo e nell’after hours ha ampliato le perdite.

La parte coinvolta è la ‘Taptic Engine’ che permette agli utenti di avere una esperienza tattile che darebbe la sensazione di toccarsi il polso. Dopo la produzione di massa iniziata a febbraio, alcuni orologi Apple non hanno superato i test.

Sono quelli forniti da un produttore cinese – la AAC Technologies Holdings di Shenzhen – che si rompono prima del tempo. La notizia rivelata dal Wall Street Journal sottolinea inoltre che Apple per questo motivo ha deciso di scartare interi orologi e non solo la parte con il difetto.

Un’altra partita di Taptic – prodotti dalla giapponese Nidec – non ha dato alcun problema ad Apple. Per questo Cupertino ha scelto di spostare tutta la sua produzione da Nidec che tuttavia potrebbe aver bisogno di tempo per riuscire aumentare la sua produzione. Taptic è la tecnologia creata da Apple appositamente per il suo orologio: è un modo per attirare l’attenzione dell’utente in modo modo più “gentile” rispetto alla vibrazione o allo squillo. La componente inoltre permette di scambiarsi i propri battiti con altri utenti.

Cupertino non ha commentato la notizia del Wall Street Journal, ma già da giorni molti analisti si chiedevano il motivo di un lancio così sottotono. Inoltre a complicare la quesitone ci ha pensato la stessa Apple. Commentando i conti del primo trimestre dell’anno (che non comprendono le vendite dell’orologio) Luca Maestri, il direttore finanziario, ha detto che il nuovo dispositivo ha margini più bassi rispetto alla media dei prodotti Apple: non è chiaro se i margini bassi siano solo per i mesi iniziali oppure se saranno una costante anche sul lungo termine.

Fonte:Wall Street Journal

(DaC)