Wall Street recupera nel finale, Nasdaq resta indietro

9 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Wall Street recupera nel finale una seduta in altalena. Ad alimentare gli acquisti la notizia che il presidente Barack Obama incontrera’ i leader democratici oggi e i repubblicani domani alla Casa Bianca per discutere un accordo sul budget.

A fine seduta, il Dow Jones sale dello 0,18% a 14.803 punti, il Nasdaq cede lo 0,46% a 3.678 punti e lo S&P 500 guadagna lo 0,03% a 1.660,29 punti. Il petrolio ha chiuso la seduta in perdita: il contratto a novembre e’ sceso di 1,8 dollari, l’1,8% a 101,61 dollari il barile. Nel frattempo, i titoli di Stato americani continuano negativi con rendimenti in aumento al 2,65% per il titolo decennale e al 3,72% per il titolo trentennale. Sui mercati valuatari, l’euro scende a 1,3517 dollari mentre il biglietto verde avanza a 97,35 yen.

Rassicura i mercati anche la nomina da parte del presidente Barack Obama di Janet Yellen, prima donna a guidare la Banca centrale americana, attualmente il suo vicepresidente, che e’ nota per preferire una politica monetaria accomodante.

Guardando alla nuova stagione di trimestrali, tra le societa’ che ieri hanno presentato i conti, Alcoa guadagna il 3,4%. Sopra le stime degli analisti i risultati di Family Dollar che tuttavia e’ in calo del 2,8% dopo che l’azienda ha espresso cautela per il 2014. Da segnalare infine il forte rialzo di Men’s Wearhouse (+28,97%) dopo aver respinto un’offerta di acquisizione da parte di Jos. A. Bank Clothiers (+7,2%) per 2,3 miliardi di dollari. Viaggia a passo veloce il titolo di Hewlett-Packard (+9%) a Wall Street, dopo che l’amministratore delegato Meg Whitman si e’ detta “a proprio agio con i progressi fatti dalla societa'”. Whitman, durante la riunione con gli analisti, ha spiegato che HP ha delle “sacche di crescita potenziale” per il 2014 e ha previsto una stabilizzazione del fatturato. “Il 2014 sara’ un anno cruciale per noi” e sara’ seguito da un’accelerata del fatturato nel 2015. Per l’anno fiscale che si chiude questo mese HP secondo gli analisti riportera’ un fatturato di circa 111 miliardi di dollari, il 7,4% in meno rispetto all’anno precedente.

In ambito valutario, l’euro -0,32% a $1,3528, dollaro/yen +0,47% a JPY 97,32. Euro/franco svizzero +0,23% a CHF 1,2295, euro/yen +0,14% a JPY 131,66.

Riguardo alle materie prime, i commodities, i futures sul petrolio -0,14% a $103,34 al barile, mentre le quotazioni dell’oro -0,51% a $1.317,50 l’oncia.