Wall Street ancora su, rialzo tassi resta fattore chiave

10 Settembre 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Wall Street chiude in rialzo, anche se gli investitori restano in cerca di indicazioni sulle prossime mosse della Fed. Il mercato teme che i tassi d’interesse possano salire prima del previsto. Intanto i rendimenti dei bond Usa continuano a salire.

Il Dow Jones chiude è a +0,32%%, l’S&P 500 a +0,38%, mentre il Nasdaq registra +0,76%.

“Il sell off sui bond è uno strano fenomeno – dice JJ Kinahan, chief strategist per TD Ameritrade – è positivo per il fatto che gli investitori stanno iniziando ad allocare anche fuori dal reddito fisso, ma sono nervosi rispetto al pericolo che i tassi d’interesse salgano”.

Il rendimento sul Treasury decennale, è in rialzo di 3 punti base al 2,535%.

C’è ancora attenzione, tra gli investitori per Apple, all’indomani del lancio dell’i-watch e dell’i-phone 6. Per molti si è trattata di una delusione.Il titolo è stato downgradato da Pacific Crest: una crescita stagnante per l’iPhone e una mancanza di “caratteristiche competitive” sull’ Apple Watch, ha spinto la banca d’affari a rivedere al ribasso il suo giudizio. Il titolo di Apple in questo momento segna +1,6% nonostante il downgrade.

L’azionario Usa ha ceduto terreno anche negli scambi after-hours sulla scia del rialzo dei rendimenti sui bond a livello globale.

Quella di oggi sembra essere una giornata relativamente quieta dal punto di vista macroeconomico: sono attesi soltanto i dati sulle scorte all’ingrosso e le applicazioni per nuovi mutui.

Il future sul petrolio (WTI New York) è in calo dello 0,17% a quota 92,59 dollari al barile, mentre quello sul Brent viaggia sotto i 100 dollari a 99,12.

Sul fronte metalli preziosi, l’oro (contratto con scadenza dicembre 2014) è in rialzo dello 0,29% a quota 1.252 dollari l’oncia.