Von der Leyen propone misure in risposta all’Inflation Reduction Act

18 Gennaio 2023, di Alessandra Caparello

L’Unione Europea preparerà una legge per rendere la vita più facile alla sua industria verde e la sosterrà con aiuti di Stato e un Fondo Europeo per la Sovranità per evitare che le aziende si trasferiscano negli Stati Uniti. L’ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, intervenendo al World Economic Forum di Davos indicando come obiettivo primario quello di fare dell’Europa la patria della tecnologia pulita e dell’innovazione. La presidente della Commissione Ue ha annunciato:

“Presenteremo una nuova legge sull’industria a zero emissioni. L’obiettivo sarà quello di concentrare gli investimenti su progetti strategici lungo l’intera catena di fornitura. In particolare, valuteremo come semplificare e accelerare le autorizzazioni per i nuovi siti di produzione di tecnologie pulite. Dobbiamo creare un ambiente normativo che ci permetta di scalare velocemente e di creare condizioni favorevoli per i settori cruciali per il raggiungimento del net zero. Tra questi, l’eolico, le pompe di calore, il solare, l’idrogeno pulito, lo stoccaggio e altri ancora”.

L’annuncio arriva pochi mesi dopo che gli Stati Uniti hanno lanciato l’Inflation Reduction Act, una normativa approvata dai legislatori statunitensi in agosto che prevede una spesa record di 369 miliardi di dollari per ridurre il deficit e incentivare la produzione di energia pulita.

L’Ue e gli Stati Uniti sono in contrasto da diversi mesi a seguito della decisione di Washington di concedere crediti d’imposta ai cittadini che acquistano auto elettriche prodotte in Nord America, che significherebbe una minaccia per gli investimenti in Europa e ha portato le aziende europee a considerare la possibilità di delocalizzare negli Stati Uniti.

A fine dicembre, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha emanato una guida che consentirebbe alle aziende dell’Ue di beneficiare di alcuni crediti senza dover modificare i propri modelli di business. Tuttavia, le  indicazioni sulle modalità di attuazione della legislazione sono ancora in sospeso. “Non è un segreto che alcuni elementi del progetto dell’Inflation Reduction Act abbiano suscitato una serie di preoccupazioni in termini di incentivi mirati per le aziende”, ha dichiarato la von der Leyen.

I funzionari americani, tra cui il presidente Joe Biden, sono stati accusati di protezionismo. Parlando con il suo omologo francese a dicembre, Biden ha detto: “Possiamo risolvere alcune delle differenze esistenti, sono fiducioso”. Mentre prima ad ottobre, il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen aveva riconosciuto che era improbabile apportare grandi modifiche alla legislazione. Tuttavia, c’è chi loda il comportamento degli USA come  il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez secondo cui  l’Europa dovrebbe imparare dagli Stati Uniti quando si tratta di sostenere le sue industrie verdi. “Dobbiamo riformare alcuni aspetti interni delle nostre politiche industriali, come gli aiuti di Stato, ridurre la burocrazia e cercare di trasmettere all’industria mondiale il messaggio che l’Europa, e naturalmente la Spagna, è un buon posto dove stabilirsi”, ha dichiarato Sanchez.

E mentre le discussioni con gli Stati Uniti continuano, Von der Leyen vuole ridurre la burocrazia in Europa e aumentare gli investimenti verdi.

Von der Leyen annuncia anche un fondo europeo per la sovranità

L’esecutivo dell’Ue preparerà anche un fondo europeo per la sovranità che si aggiungerà agli sgravi fiscali per l’industria verde e a norme più snelle sugli aiuti di Stato per la tecnologia pulita. La Commissione si sta attualmente consultando con i Paesi dell’Ue su come rivedere al meglio le norme di emergenza sugli aiuti di Stato dell’Ue, a seguito delle numerose e vertiginose crisi economiche provocate dalla pandemia e dalla guerra in Ucraina. Gli annunci di Von der Leyen giungono nel contesto di un ampliamento delle divisioni all’interno della Commissione europea su come l’Ue possa rispondere al meglio alla pioggia di sussidi verdi degli Stati Uniti. Lunedì, il capo della concorrenza dell’Ue Margrethe Vestager ha avvertito che la competitività del blocco non può essere costruita “con i sussidi” e che le imminenti modifiche alle norme di emergenza sugli aiuti di Stato dell’Ue dovrebbero rimanere temporanee, per paura di fratturare il mercato interno.

Il suo punto di vista si scontra con quello di Thierry Breton, capo del mercato interno dell’Ue, che ha affermato che le “soluzioni temporanee a breve termine” non sono sufficienti.  La scorsa settimana, Vestager ha proposto un nuovo quadro temporaneo per gli aiuti di Stato, compresi gli “aiuti agli investimenti anti-ricollocazione” per impedire alle imprese di lasciare il blocco per cercare condizioni più favorevoli all’estero.  Ai Paesi dell’Ue è stato dato un termine per rispondere entro il 25 gennaio.