Uniper: necessari ulteriori 25 miliardi per il salvataggio

23 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

Uniper, la più grande vittima aziendale della crisi energetica europea, ha dichiarato che Berlino dovrà immettere ulteriori 25 miliardi di euro nell’importatore di gas in difficoltà per coprire le perdite subite dopo il taglio delle forniture da parte della Russia.

Nel mese di settembre il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha deciso di nazionalizzare Uniper, impegnando 29 miliardi di euro per sostenere il maggiore importatore di gas della Germania e prevenire quello che si temeva potesse degenerare in un crollo delle aziende energetiche.

L’accordo di salvataggio modificato farà salire il conto della nazionalizzazione di Uniper a più di 51 miliardi di euro.

Il mese scorso alcune fonti hanno dichiarato che erano necessarie decine di miliardi di finanziamenti aggiuntivi per stabilizzare Uniper dopo che Berlino aveva deciso di eliminare la tassa che avrebbe permesso alle società del gas di trasferire ai clienti la maggior parte dei costi di approvvigionamento.

“Si tratta di una parte sostanziale della bolletta del gas della Germania, che ora sarà pagata con le entrate fiscali e non, come inizialmente previsto, con una sovrattassa sul gas”, ha dichiarato mercoledì l’amministratore delegato di Uniper Klaus Dieter Maubach. “Senza questo sgravio, i nostri clienti, comprese molte aziende municipalizzate, avrebbero inevitabilmente dovuto affrontare un’ondata di costi ancora più elevata”, ha aggiunto.