Ue: Letta, con semestre italiano punto di non ritorno

15 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Durante il semestre italiano di presidenza della Ue, la seconda metà del 2014, “sono convinto che faremo quel salto avanti decisivo e, dirò di più, raggiungeremo il punto di non ritorno per l’unione politica e l’unione dell’eurozona”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, nella conferenza stampa con il Primo Ministro di Malta, Joseph Muscat, al termine dell’incontro a palazzo Chigi.

“Una maggiore integrazione sarà al centro del nostro programma per il semestre, per fare in quel semestre un deciso passo avanti sul tema dell’unione politica. Ho chiesto a Muscat un aiuto”.

Sulle politiche migratorie “riteniamo che l’Europa debba fare di più in quanto Europa” e per questo il premier incontrerà il 29 luglio il suo omologo greco Samaras ad Atene per coordinare i programmi della presidenza greca e italiana della Ue, che segneranno l’intero 2014.

Già nell’incontro di oggi “abbiamo parlato soprattutto di politiche migratorie e abbiamo discusso di alcune possibili iniziative: lunedì 29 sarò ad Atene per incontrare Samaras e in quell’occasione metteremo a punto il punto di congiunzione tra il semestre di presidenza greco e quello italiano, in cui il tema delle politiche migratorie sarà centrale e fondamentale. Abbiamo deciso – ha proseguito Letta – di far sì che anche Malta sia integrata in questo tema, la riteniamo nostro partner naturale su questi temi. Abbiamo molti punti di vista in comune e la assoceremo su questo tema per preparare le presidenze italiana e greca” che dovranno essere segnate da “un programma molto ‘Mediterraneo’: sono convinto che insieme riusciremo a raggiungere risultati importanti”. (TMNEWS)