Twitter, le parole di Musk fanno scappare i dipendenti

18 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

Si stima che centinaia di dipendenti di Twitter abbiano deciso di lasciare la società di social media a seguito dell’ultimatum lanciato dal nuovo proprietario Elon Musk, secondo cui i membri dello staff o erano pronti a “lunghe ore ad alta intensità” o potevano anche andarsene.

Le partenze evidenziano la riluttanza dei circa 3 mila dipendenti del social media a rimanere in un’azienda in cui Musk, da quando arrivato, ha licenziato metà della forza lavoro, incluso il top management, e sta cambiando spietatamente la cultura per enfatizzare lunghe ore e un ritmo intenso.

Musk su Twitter giovedì scorso ha scritto di non essere preoccupato per le dimissioni perché “le persone migliori restano”. La società ha anche comunicato ai dipendenti che chiuderà i suoi uffici e ridurrà l’accesso ai badge fino a lunedì. Gli agenti di sicurezza hanno iniziato a cacciare alcuni dipendenti dall’ufficio giovedì sera, hanno riferito alcune fonti interne.

Problemi di stabilità per Twitter

Le dimissioni includono molti ingegneri responsabili della correzione dei bug e della prevenzione delle interruzioni del servizio. Tutto ciò sta sollevando grossi dubbi sulla stabilità della piattaforma.

Giovedì sera, la versione dell’app di Twitter utilizzata dai dipendenti ha iniziato a rallentare, secondo una fonte, che ha stimato che la versione pubblica di Twitter rischiava di “bloccarsi” durante la notte.

Le segnalazioni di interruzioni di Twitter sono aumentate drasticamente da meno di 50 a circa 350 giovedì sera secondo il sito Web Downdetector, che tiene traccia delle interruzioni di siti web e app. In una chat privata su Signal con circa 50 membri dello staff di Twitter, quasi 40 hanno dichiarato di aver deciso di andarsene.