Truffe finanziarie, 7 regole d’oro per evitarle

28 Febbraio 2019, di Alberto Battaglia

La gratificazione di facili guadagni si rivela spesso una trappola per gli investitori alle prime armi. Porsi le domande giuste e fare i dovuti controlli, quando ci viene proposto un investimento, è sicuramente d’aiuto.

Luca Lixi, consulente finanziario e autore del libro “I X comandamenti dell’investimento finanziario”, ha stilato sette regole d’oro per evitare le “truffe finanziarie” che brulicano online (e non solo). Si tratta di esercizi di buon senso che non nuoce ribadire (la lista è stata pubblicata, in origine, su Il Salvagente).

  1. Non credere alle proposte di guadagno facile e sicuro troppo allettanti per essere vere. Sono false, infatti;
  2. Mai consegnare denaro contante o assegni in bianco a un promotore finanziario o dipendente bancario. Mai;
  3. Compilare sempre personalmente, con attenzione e sincerità, il questionario di profilatura Mifid obbligatorio per legge;
  4. Verificare l’iscrizione all’Albo unico nazionale dei consulenti finanziari del proprio interlocutore. Questo è il link. Se opera all’interno delle mura di una banca o delle Poste, potrebbe non avere questa abilitazione. Che sia un potenziale truffatore o meno, chiedersi se è la persona giusta per investire i propri risparmi;
  5. Mai comunicare i propri codici personali di accesso all’home banking, il Pin del bancomat e delle carte di credito;
  6. Verificare l’autorizzazione italiana, da parte della Consob, del broker utilizzato per il trading online. Verificare inoltre la presenza di sospensioni, radiazioni o contestazioni, sempre dal sito della Consob. Verificare inoltre la reputazione online (basta una semplice ricerca su Google) del broker o del consulente che entra in contatto con voi;
  7. Rendersi meno vulnerabili dai truffatori attraverso l’acquisizione e la conoscenza dei fondamentali dell’investimento, ricercare fonti affidabili di informazione e formazione e avvalersi del parere professionale di un consulente finanziario indipendente da banche e altri operatori finanziari.