trend Elezioni Presidenziali Russia

trend immagine a corredo

Elezioni Presidenziali Russia

Attesa in Russia per le Elezioni Presidenziali 2018 che vedranno, fra i candidati, anche l’uscente Vladimir Putin che, dopo mesi, ha sciolto le proprie riserve sul merito e punta a ricevere quello che sarebbe il suo quarto mandato. Si tratta di una tornata elettorale che peserà molto sulla situazione internazionale che vede al centro la Corea del Nord e l’inasprimento delle sanzioni chiesto da più parti per il Paese di Kim, inasprimento osteggiato, invece, proprio dalla Russia.

Data e sistema di voto

Il prossimo 18 Marzo 2018 si saprà quindi chi quale sarà il nuovo presidente russo, nel caso in cui nessuno dei candidati raggiunga la maggioranza assoluta si procederà al ballottaggio, fra i due candidati che hanno preso più voti, il successivo 8 Aprile. I voti ai partiti sono invece assegnati con sistema proporzionale.

A tal proposito val la pena ricordare che Vladimir Putin vinse le Elezioni Presidenziali 2012 con il 63,6% dei voti, risultato che gli ha permesso di avere alla Duma, il Parlamento russo, 140 deputati su 225, maggioranza tale che gli ha consentito di governare senza allearsi con alcun altro partito. Putin ha inoltre vinto le elezioni presidenziali nel 2000, nel 2004 e nel 2008, anno nel quale lasciò la presidenza a Dmitry Medvedev. Dal 2012 il mandato presidenziale dura 6 anni, e questo spiega perché si è arrivati al 2018.

Candidati

I partiti attualmente rappresentati alla Duma possono presentare un candidato, quelli rimasti fuori nel 2012 devono raccogliere 105.000 firme, i candidati indipendenti devono arrivare invece a 315.000.

Il principale rivale del Partito Nazionalista Russia Unita di Putin dovrebbe essere il Partito del Progresso di Alexey Navalny che però non è al momento candidabile per pendenze giudiziarie dovute a vari sit-in promossi contro il Governo Putin e non chiare vicende finanziarie che lo vedono coinvolto. La posizione di Navalny è ovviamente diversa e si basa sul fatto che la Costituzione Russa rende non candidabile solo chi abbia scontato una pena in carcere.

Il Partito Liberale punterà, come nel 2012, su Vladimir Zhirinovsky, mentre A Just Russia, il partito dei social-democratici, ha scelto Sergey Mironov. Per il Partito Monarchico il candidato è l’uomo d’affari e attivista per i diritti civili Anton Bakov.

Manca ancora il candidato dello storico Partito Comunista che, dopo aver sfiorato la vittoria nel 1996, ha subito una serie di cocenti sconfitte sotto la guida ventennale di Gennadij Zyuganov. Sono invece ancora impegnati con la raccolta delle firme i Verdi con Anatoly Batashev, i Comunisti di Russia con Maxim Suraikin e Yabloko con Grigory Yavlinsky.

Fra i candidati indipendenti si fanno i nomi di Dmitry Rogozin, attuale Vice Primo Ministro, quello della giornalista Irina Prokhorova, l’attore Ivan Okhlobystin e Ksenia Sobchak, personaggio TV molto famoso.

Analisti e primi sondaggi danno per certa la vittoria, ancora una volta senza ballottaggio, per Vladimir Putin. Su Wall Street Italia trovi tutte le ultime notizie sulle Elezioni Presidenziali Russia 2018, i programmi dei candidati e i sondaggi aggiornati.

immagine di corredo

Tutti gli articoli

Da Usa nuove sanzioni contro la Russia, punito anche lo “chef di Putin”

Citando i rischi per la sicurezza nazionale derivanti dagli attacchi informatici e di hacker, il Tesoro degli Stati Uniti ha imposto nuove sanzioni contro la Russia e in particolare contro una ventina di altre persone ed entità non molto conosciuti. Tra le entità la più famosa è l’agenzia dei servizi di sicurezza federale della Russia,

Ex spia avvelenata: è crisi, Russia rispedisce accuse UK al mittente e prepara ritorsioni

Al Consiglio di sicurezza ONU l’ambasciatore russo Nebenzia: “Non abbiamo nulla da temere”. Lavrov: espelleremo diplomatici inglesi. Francia dalla parte di Mosca.

May accusa Russia: “dietro avvelenamento ex spia”

Ultimatum da Londra: “o Mosca fornirà una spiegazione entro la mezzanotte di oggi, o scatterà la rappresaglia diplomatica”

Elezioni Russia: vittoria in pugno per Putin, che accusa Usa di ingerenza

Il 18 marzo, data del voto, si avvicina e Vladimir Putin, candidato come indipendente, è quasi certo della vittoria

Russia, Ue decide di prolungare le sanzioni punitive di altri sei mesi

Nonostante qualche parere contrario alla fine l’Unione europea ha esteso di ulteriori sei mesi le sanzioni economiche contro la Russia, motivate come ritorsione per via dell’annessione della Crimea e dei presunti aiuti offerti ai ribelli filo russi nell’area orientale dell’Ucraina. Le sanzioni contro la Russia, paese che voterà il suo nuovo presidente in settimana, prevedono

Russia, Putin: “nuovi missili nucleari che non possono essere fermati”

Si appella agli elettori il presidente, che promette aiuti alle famiglie e lotta alla povertà. Minaccia agli Usa: testati missili che nemici non possono intercettare (VIDEO).

Produttori petrolio: in un anno Usa scalzeranno Russia

Sono le previsioni dell’Aie. Il cambio ai vertici della classifica dei produttori di greggio potrebbe arrivare già quest’anno.