Tesla batte le stime di Wall Street, titolo vola. Ma analisti restano cauti

30 Gennaio 2020, di Mariangela Tessa

Un anno da ricordare il 2019 per Tesla. Il costruttore americano di auto elettriche ha chiuso il bilancio annuale per la prima è riuscito a centrare gli obiettivi annunciati sulle consegne grazie soprattutto alle vendite della Model 3. Sembrano dunque definitivamente spazzate via le nubi pesanti che fino al 2018 rendevano incerto il futuro del colosso fondato da Elon Musk, delisting compreso.

Ma veniamo ai numeri. Nel quarto trimestre, Tesla ha visto gli utili a 105 milioni di dollari, o 0,56 dollari ad azione, dai 140 milioni di dollari, o 0,78 dollari ad azione, messi a segno 12 mesi prima. Escluse le voci straordinarie, gli utili ad azione sono stati pari a 2,14 dollari.

Il fatturato è aumentato a 7,4 miliardi di dollari dai 7,2 miliardi dello stesso periodo dell’anno precedente. Le attese erano per un utile ad azione adjusted pari a 1,77 dollari su vendite pari a 7,0 miliardi di dollari.

Nel complesso nel 2019 Tesla ha consegnato 367.500 veicoli, con un incremento del 50% rispetto all’anno precedente. In linea con il target indicato da Musk di una forchetta tra 360mila e 400mila consegne. L’azienda continua a registrare forti perdite, sebbene in misura un po’ ridotta rispetto al 2018: il rosso è passato da un miliardo di dollari a 862 milioni.

L’azienda ha detto di aspettarsi di riuscire a vendere ‘facilmente’ oltre 500.000 veicoli nel 2020 e di avere un flusso di cassa e un utile netto in positivo tranne in alcune occasioni legate al lancio di nuovi prodotti.

Titolo in rally, valore quasi raddoppiato in un anno

Comunicati a Borsa chiusa, nelle contrattazioni after-hours di Wall Street, le azioni Tesla hanno registrato una fiammata vicina al 12%. Negli ultimi dodici mesi le azioni della società hanno quasi raddoppiato il valore, segnando un aumento del 95% e superato i 100 miliardi di dollari di valore di mercato.

…ma Bank of America resta cauta

Dopo i risultati trimestrali, gli analisti di Bank of America hanno rivisto al rialzo il prezzo obiettivo a 12 mesi sulle azioni a $ 350 da $ 240, comunque ben al di sotto dei valori intorno ai quali si muove attualmente (580 euro). Il rating è stato confermato a underperform.

“Pur ammettendo che Tesla è un pioniere nel mercato dei veicoli elettrici, riteniamo che l’ottimismo degli investitori riguardo alla traiettoria di crescita dei volume e, soprattutto, sui profitti / flussi di cassa sia esagerata “.