TASI prima casa fino al 3,3 per mille

28 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto sugli enti locali che contiene le nuove misure cosiddette “salva Roma”. Lo riferiscono fonti di governo.

All’ordine del giorno, tra l’altro, la nomina di sottosegretari e viceministri, un decreto sugli Enti Locali, che recepisce le norme del Salva Roma. Non sono escluse anche norme relative alla Tasi.

Fonti di Palazzo Chigi smentiscono che ci sia stato un ‘vertice’ sui sottosegretari prima del Consiglio dei Ministri tra il Presidente del Consiglio, il sottosegretario Delrio ed il ministro Alfano.

Ok da Cdm ad aumento Tasi fino a 0,8 per mille – Via libera del Cdm alla possibilità per i Comuni di aumentare la Tasi fino allo 0,8 per mille. Lo si apprende da fonti ministeriali.

Ok da Cdm a proroga ‘rottamazione’ cartelle – Prorogata a fine marzo la rottamazione delle cartelle che scadeva oggi. Da fonti ministeriali si apprende che la chiusura dell’operazione slitterebbe al 31 marzo.

Inasprite sanzioni sfruttamento sessuale minori – Ok del Cdm all’inasprimento delle sanzioni per lo sfruttamento sessuale dei minori. Lo annuncia il ministro della Giustizia Andrea Orlando spiegando che si tratta del recepimento di una direttiva del 2011 che introduce ‘aggravanti speciali per lo sfruttamento dei minori’.

Rimossa la web tax – “Rimossa la web tax, ne riparleremo in un quadro di normativa europea”. Così Matteo Renzi su twitter replica, dopo il consiglio dei ministri, a chi gli chiede se il governo ha cancellato o sospeso la web tax.

***

L’Aula della Camera ha definitivamente approvato il Ddl delega fiscale, di iniziativa parlamentare, con 309 sì e nessun voto contrario. Tra le opposizioni, sì anche da Lega Nord e Fdi. La delega fiscale, approvata dopo otto mesi di lavoro, autorizza in pratica il governo a riscrivere il sistema fiscale per renderlo “più equo, trasparente e orientato alla crescita” e senza nuovi oneri per lo Stato.

Ora il Governo avrà un anno di tempo per cambiare il volto al fisco italiano, a partire dalla riforma del catasto degli immobili. Viene riformulata la previsione di un regime fiscale agevolato per la messa in sicurezza e la riqualificazione degli edifici. Poi scontrini detraibili per battere l’evasione e l’ampliamento della possibilità di rateizzare i debiti tributari.

Soddisfatto il relatore del provvedimento, Daniele Capezzone (Fi), presidente della commissione Finanze alla Camera. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, assicura l’impegno del nuovo governo, guidato da Matteo Renzi, ad “attuare quanto contenuto in questa delega”. La riforma fiscale, anticipa Padoan, “farà parte integrante di una strategia basata sulla creazione di posti di lavoro e incentrata sull’attivata di investimento delle imprese”.

Riforma del catasto

La pietra angolare della Delega fiscale è costituita dall’attesa riforma del catasto degli immobili, con l’obiettivo di correggere molte iniquità del’attuale sistema delle rendite catastali, accentuate a seguito dell’introduzione dell’imposta municipale sperimentale (Imu). Tra i principi e criteri direttivi da applicare per la determinazione del valore catastale degli immobili la delega indica, in particolare, la definizione degli ambiti territoriali del mercato, e la determinazione del valore patrimoniale utilizzando il metro quadrato come unità di consistenza al posto del numero dei vani. La riforma dovrà avvenire a invarianza di gettito, tenendo conto delle condizioni socio-economiche e dell’ampiezza e composizione del nucleo familiare, così come riflesse nell’Isee.

Lotta all’evasione e scontrini detraibili

Altro obiettivo dichiarato, la lotta all’evasione, all’elusione e all’erosione fiscale. Per favorire l’emersione di base imponibile, la delega dispone l’emanazione di disposizioni per dare attuazione al cosiddetto contrasto di interessi fiscali fra contribuenti, ovvero la contrapposizione dell’interesse del venditore con quello del compratore, che comporta l’ampliamento della detraibilità degli scontrini fiscali per combattere l’evasione. Le maggiori entrate rivenienti dal contrasto all’evasione fiscale (al netto di quelle necessarie per il mantenimento degli equilibri di bilancio) e dalla progressiva limitazione dell’erosione fiscale saranno destinate esclusivamente al Fondo per la riduzione strutturale della pressione fiscale, istituito dal decreto-legge n. 138/2011. Al Fondo saranno interamente attribuiti anche i risparmi di spesa derivanti da riduzione di contributi o incentivi alle imprese, che devono essere destinati alla riduzione dell’imposizione fiscale gravante sulle imprese.

L’articolo 5 della delega impegna poi il Governo ad attuare la revisione delle attuali disposizioni antielusive con l’obiettivo di disciplinare il principio generale di divieto del cosiddetto abuso del diritto, del quale viene fornita una prima definizione: costituisce abuso del diritto l’uso distorto di strumenti giuridici allo scopo prevalente di ottenere un risparmio d’imposta, ancorché tale condotta non sia in contrasto con alcuna specifica disposizione. La riforma salvaguarda comunque la legittimità della scelta tra regimi alternativi espressamente previsti dal sistema tributario. Per questo, si potrà parlare di abuso del diritto nei casi in cui lo scopo di ottenere indebiti vantaggi fiscali risulti come causa prevalente dell’operazione abusiva; al contrario, se l’operazione (o la serie di operazioni) è giustificata da ragioni extrafiscali non marginali, l’abuso non si configura. L’onere di dimostrare il disegno abusivo in campo fiscale è posto a carico dell’amministrazione finanziaria, mentre grava sul contribuente l’onere di evidenziare valide ragioni extrafiscali alternative o concorrenti che giustifichino il ricorso a tali strumenti.

Gioco d’azzardo

La legge della delega fiscale va anche nella direzione di contrastare il gioco d’azzardo e le «ludopatie», ovvero il gioco d’azzardo patologico. Viene riconosciuto il ruolo dei Comuni nell’autorizzazione delle sale da gioco , che dovranno essere aperte nel rispetto di distanze minime dai luoghi sensibili e secondo una pianificazione improntata alla loro riduzione e concentrazione. E’ prevista la salvaguardia dei regolamenti comunali restrittivi già vigenti. Viene introdotto un meccanismo di autoesclusione dal gioco e il pubblico riconoscimento per le iniziative «noslot», e incrementata la lotta alla criminalità organizzata.

Fisco più amico

Tra le novità delle delega fiscale, anche l’ampliamento dell’istituto del tutoraggio dell’amministrazione finanziaria nei confronti dei contribuenti, in particolare quelli di minori dimensioni e operanti come persone fisiche, per l’assolvimento degli adempimenti, della predisposizione delle dichiarazioni e del calcolo delle imposte. Prevista anche la possibilità di invio ai contribuenti, e di restituzione da parte di questi ultimi, di modelli precompilati delle dichiarazioni fiscali. Il sistema del tutoraggio sarà accompagnato dall’istituzione di forme premiali, consistenti in una riduzione degli adempimenti, in favore dei contribuenti che vi aderiscano. Per stimolare l’adempimento spontaneo degli obblighi fiscali poi, la delega introduce anche norme per favorire un migliore rapporto tra Fisco e contribuenti attraverso forme di comunicazione e cooperazione rafforzata (articolo 6). Le imprese di maggiori dimensioni dovranno costituire sistemi di gestione e controllo del rischio fiscale, con una chiara attribuzione di responsabilità nel sistema dei controlli interni. Tale sforzo darà diritto a meno adempimenti per i contribuenti, con la riduzione delle eventuali sanzioni, e a forme specifiche di interpello preventivo con procedura abbreviata.

Tutela del contribuente

A tutela del contribuente, la delega fiscale prevede la razionalizzazione dell’istituto della conciliazione nel processo tributario, anche per ridurre il contenzioso tributario, e il miglioramento della giurisdizione tributaria con una serie di interventi sulla distribuzione territoriale delle commissioni tributarie e l’ampliamento delle ipotesi in cui il contribuente può stare in giudizio senza assistenza tecnica. Previsto anche l’uso della posta elettronica certificata per comunicazioni e notificazioni, la semplificazione dell’elezione del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria, il rafforzamento della qualificazione professionale dei componenti delle commissioni tributarie.

Revisioni tasse “minori” ed Iva

La riforma affida al Governo un gran numero di compiti, tra cui la revisione delle cosiddette imposte minori, vale a dire le imposte sulla produzione e sui consumi, di registro, di bollo, ipotecarie e catastali, sulle concessioni governative, sulle assicurazioni e sugli intrattenimenti, privilegiando in particolare la semplificazione degli adempimenti, la razionalizzazione delle aliquote e l’accorpamento o la soppressione di fattispecie particolari. La delega contiene anche i criteri direttivi che il Governo dovrà seguire per la semplificazione dei sistemi speciali Iva nonché l’attuazione del regime del gruppo Iva.
(RaiNews24)