Borsa Milano spaccata in due. Vietato speculare su MPS: titolo sprint

6 Luglio 2016, di Daniele Chicca

MILANO (WSI) – La crisi del settore bancario italiano e la chiusura di tutta una serie di fondi immobiliari nel Regno Unito, entrambi problemi aggravati dalla Brexit, hanno gettato nel panico diversi operatori. Con il mercato che comincia a concentrarsi sui pericoli per l’intera Eurozona, si è riaperta la caccia ai beni rifugio. Le Borse europee sono in difficoltà.

Gli investitori temono che gli sforzi delle autorità per aumentare la liquidità siano vani. L’impatto della Brexit su alcuni settori dell’economia e della finanza potrebbe essere molto pesante, con i rischi che sono aumentati e gli “choc finanziari che si sono cristallizzati”, come sottolineato ieri dal numero uno della Banca d’Inghilterra Mark Carney.

In Asia ed Europa quest’oggi le Borse scivolano, a braccetto con la sterlina (minimi di 31 anni) e lo yen. In calo anche i rendimenti dei bond. A dimostrazione del clima di tensione che si respira nelle sale operative e dall’avversione generale al rischio questa settimana dopo l’ottima serie di rialzi della cinque giorni precedente, ieri l’azionario ha chiuso in calo e il petrolio ha perso il 5%, mentre oro e argento continuano la loro corsa.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 6 Luglio 20168:45

Sul valutario l’euro scende sul dollaro con gli analisti che sono concordi nel ritenere che la moneta unica si indebolirà ancora. Secondo Julius Baer entro settembre calerà a $1,06. Al momento quota 1,1059 dollari.

Daniele Chicca 6 Luglio 20168:47

La Borsa di Tokyo ha perso l’1,85%. L’oro è salito al massimo di 2 anni sopra l’area $1.371 l’oncia. Il petrolio è sceso a 46 dollari al barile, appesantito dalle parole di Mark Carney, il numero uno della Banca d’Inghilterra, secondo cui i rischi di un’uscita non controllata del Regno Unito sono aumentati. 

Daniele Chicca 6 Luglio 20168:49

La Borsa di Tokyo ha perso l’1,85%. L’oro è salito al massimo di 28 mesi sopra l’area $1.371 l’oncia. Il petrolio è sceso a 46 dollari al barile, appesantito dalle parole di Mark Carney, il numero uno della Banca d’Inghilterra, secondo cui i rischi di un’uscita non controllata del Regno Unito sono aumentati. 

Daniele Chicca 6 Luglio 20169:00

Al momento quotazioni petrolio Wti poco variate in area $46,64 al barile. Ieri forti venti contrari hanno fatto crollare i prezzi (-5%). In particolare ha influito in negativo la decisione dell’Opec di aumentare la produzione e il ritorno dell’incertezza della domanda legata ai timori per gli effetti post Brexit.

Daniele Chicca 6 Luglio 20169:05

Vietate le vendite allo scoperto su MPS dopo i cali pesanti degli ultimi giorni che hanno prosciugato il capitale della banca. Il titolo guadagna l’11,24% teorico dopo due sospensioni per eccesso di rialzo ravvicinate. La paura è che l’istituto non riesca a smaltire i crediti deteriorati in portafoglio dopo che la Bce ha chiesto di ridurli da qui al 2018. Con 360 miliardi di sofferenze lorde (il 17-18% dei crediti iscritti a bilancio che sono deteriorati) c’è la necessità impellente di un piano di aiuti.

Chris Watling, CEO e Chief Market Strategist di Longview Economics dice di essere preoccupato non solo per le banche italiane ma per lo stato di salute di tutto il settore in Europa. Secondo l’analista i livelli di debito delle banche italiane e il fatto che non riescono a essere redditizie e crescere rendono molto difficile che l’Italia eviti una crisi. Tra l’altro il paese rischia anche di finire in un periodo di instabilità politica se il governo non otterrà una vittoria nel referendum sulla riforma costituzionale di ottobre.

Daniele Chicca 6 Luglio 20169:43

I titoli legati al settore immobiliare sono sotto pressione anche quest’oggi alla Borsa di Londra dopo che ben tre gruppi del comparto, Aviva, M&G e Standard Life, hanno deciso di interrompere gli affari e attività di trading relativi ai loro fondi immobiliari per paura che la clientela retail decidesse di chiudere in massa le sue posizioni.

Nel complesso i tre gestori hanno messo in standby asset per un valore pari a 9 miliardi di sterline. Ad accusare il colpo sono gli agenti immobiliari, gli investitori nel mercato del mattone e i costruttori di case.

Daniele Chicca 6 Luglio 20169:56

In Asia hanno pesato i timori sulla stabilità europea che tornano ad essere vividi. La forza dello yen riduce la competitività dei prodotti giapponesi all’estero. Soffrono i bancari con Mitsubishi UFJ Financial ha perso il 3,6%, Sumitomo Mitsui Financial Group il 2,4% e Mizuho Financial Group il 2,7%. Al momento Hong Kong a -1,71% e sale Shangai composite a +0,11%.

Daniele Chicca 6 Luglio 20169:59

La seduta prosegue all’insegna della debolezza per le borse europee. Sui corsi azionari tornano a gravare le incertezze legate ai possibili problemi che provocherà la Brexit in Europa. Piazza Affari è in flessione ma non tutto il listino delle blue chip è tinto di rosso.

Tra i singoli molto male fanno Telecom (sospesa per eccesso di ribasso), Azimut e FCA. Si distinguono in positivo invece i titoli MPS (favorita dal divieto di vendita allo scoperto e dal paracadute studiato dal governo per vendere gli npl e ricapitalizzare l’istituto in difficoltà) Yoox (dopo il piano industriale, e Banco Popolare.

Daniele Chicca 6 Luglio 201610:34

Il rendimento del titolo a 30 anni del Bund tedesco ha toccato un nuovo minimo allo 0,315%. La curva dei tassi è sempre più piatta con lo spread tra la scadenza a 2 e 10 anni che è sceso sotto i 50 punti base, il minimo in più di un anno di tempo.

Daniele Chicca 6 Luglio 201610:36

Sul valutario dopo essere crollata sui minimi di 31 anni nei confronti del dollaro, la sterlina sta risalento in area $1,30.

Daniele Chicca 6 Luglio 201610:59

L’indice di riferimento delle Borse europee, lo Stoxx 600 estende le perdite a metà mattina e attualmente cede l’1,2%.

Daniele Chicca 6 Luglio 201611:00

Senza sorprese sono le banche a trainare al ribasso l’azionario in Europa. L’indice settoriale del continente accusa un calo del 2,3%.

Daniele Chicca 6 Luglio 201612:37

Al traguardo di metà seduta della tappa intermedia della settimana, la Borsa di Milano arriva con il fiato corto. L’indice Ftse MIB ha infatti appena toccato i minimi di giornata, subendo una perdita del 2,32% a 15.407,42 punti. Oltre a Telecom, che è stata anche sospesa per eccesso di ribasso, sono molto pesanti Azimut, STM, Buzzi e Finecobank. Sole note positive Pop Milano, Ubi e MPS, sempre ferma con  un rialzo teorico dell’11,24%.

Daniele Chicca 6 Luglio 201612:41

I titoli Telecom Italia cedono quasi il -10% ai minimi da ottobre 2013, dopo essere entrati in asta di volatilità. Le azioni quotano 0,65 euro. Pesano i timori suscitati dall’uscita di Xavier Niel dal capitale. Nelle prossime settimane l’imprenditore francese smonterà infatti la propria posizione nel gruppo tlc.

La prospettiva che il mercato italiano delle tlc diventerà più competitivo grazie all’ingresso del quarto operatore Iliad (fondato sempre da Niel) ha messo decisamente sotto pressione le azioni di Telecom Italia.

Daniele Chicca 6 Luglio 201612:46

Anche in Usa la seduta dell’azionario si preannuncia negativa.

Laura Naka Antonelli 6 Luglio 201614:13

Nessun segnale di miglioramento per l’azionario Usa, con i futures sul Dow Jones che cedono oltre -100 punti.

Laura Naka Antonelli 6 Luglio 201614:15

I timori per le conseguenze della Brexit portano gli investitori a posizionarsi sui bond, in particolare sui titoli del debito pubblico, zavorrandone così i tassi.

Daniele Chicca 6 Luglio 201615:06

I rendimenti dei titoli obbligazionari europei sono in calo con le paure delle conseguenze post Brexit che spingono gli investitori a rifugiarsi nei titoli di Stato.

Daniele Chicca 6 Luglio 201615:58

Come previsto dai futures, l’avvio di Borsa è negativo a Wall Street.

Laura Naka Antonelli 6 Luglio 201616:17

Reso noto dal fronte economico Usa l’indice ISM servizi. Il dato si è confermato decisamente migliore delle attese, balzando a giugno a 56,5, rispetto ai 53,4 previsti dagli analisti.

Laura Naka Antonelli 6 Luglio 201616:18

Il titolo Banco Popolare è stato sospeso per eccesso di ribasso, con un calo teorico di quasi -9%.

Laura Naka Antonelli 6 Luglio 201617:35

L’indice Ftse Mib della Borsa di Milano ha chiuso in calo -2,25% a 15.425,63 punti. 

Laura Naka Antonelli 6 Luglio 201617:40

Nuovo bagno di sangue per le banche italiane. Se MPS è riuscita a evitare il peggio, anzi, ha chiuso in solido rialzo (oltre +6%) grazie al divieto di vendite allo scoperto imposto dalla Consob, non altrettanto bene è andata ad altri titoli bancari. Bper -6,87%, BPM -2,53%, BP -6,75%. In rialzo invece Intesa SanPaolo +1,44%, ma Unicredit -2,42% e Ubi Banca -2,35%. Tra i titoli di altri settori Eni -0,97%, tonfo di Telecom Italia, oltre -10%; Ferragamo oltre -4%, Mediaset -2,76%, Yoox Net-A-Porter +3,28%.

Laura Naka Antonelli 6 Luglio 201618:14

Così hanno chiuso i principali indici azionari europei.